Una vergine sciocca

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Un classico riscoperto. Il ritratto spiritoso e intimo di una ragazzina ebrea che sperimenta la vita all’alba della Seconda guerra mondiale.

“Peccare con premeditazione non era facile.” Negli anni Venti la catastrofe è ancora invisibile nei salotti e per le strade di Anversa. Qui la comunità ebraica è un piccolo universo pulsante nel quale Gittel si muove con la grazia e la risolutezza di una dodicenne curiosa. Intorno a lei si allarga e ruota un esuberante cosmo di umanità varia: zii e zie più o meno pirotecnici, una madre collerica amante dei vestiti alla marinara, un padre che è da sempre “uno shlemiel, uno sventurato, e lo sapeva”, nonne rissose pronte a firmare improvvisi armistizi, mendicanti di mestiere depositari di spiritose storielle, un ricco banchiere che le apre la propria casa e un mondo nuovo, una baronessa pacchiana, agghindata con piume di struzzo, che tuttavia “Rubens probabilmente avrebbe dipinto volentieri”. Tra queste voci dolcemente dissonanti, Gittel vive una stagione tanto breve quanto pervasa di scoperte; trovando nelle persone grumi inaspettati di generosità, imparando da altre che consegnarsi con fiducia a qualcuno può essere un errore. Una vergine sciocca, pubblicato per la prima volta nel 1959, fu riconosciuto subito dalla critica come un “capolavoro perfetto”, ma l’improvvisa scomparsa della sua autrice si prese anche il destino del romanzo. Ida Simons, pianista di fama internazionale, sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti, tornò alla vita del dopoguerra consegnando un’opera di grande poesia e vivacità, figlia di un talento straordinario, il luminoso spaccato di un modo di stare al mondo che di lì a poco sarebbe stato tragicamente sommerso.

Un classico riscoperto. Il ritratto spiritoso e intimo di una ragazzina ebrea che sperimenta la vita all’alba della Seconda guerra mondiale.

“Peccare con premeditazione non era facile.” Negli anni Venti la catastrofe è ancora invisibile nei salotti e per le strade di Anversa. Qui la comunità ebraica è un piccolo universo pulsante nel quale Gittel si muove con la grazia e la risolutezza di una dodicenne curiosa. Intorno a lei si allarga e ruota un esuberante cosmo di umanità varia: zii e zie più o meno pirotecnici, una madre collerica amante dei vestiti alla marinara, un padre che è da sempre “uno shlemiel, uno sventurato, e lo sapeva”, nonne rissose pronte a firmare improvvisi armistizi, mendicanti di mestiere depositari di spiritose storielle, un ricco banchiere che le apre la propria casa e un mondo nuovo, una baronessa pacchiana, agghindata con piume di struzzo, che tuttavia “Rubens probabilmente avrebbe dipinto volentieri”. Tra queste voci dolcemente dissonanti, Gittel vive una stagione tanto breve quanto pervasa di scoperte; trovando nelle persone grumi inaspettati di generosità, imparando da altre che consegnarsi con fiducia a qualcuno può essere un errore. Una vergine sciocca, pubblicato per la prima volta nel 1959, fu riconosciuto subito dalla critica come un “capolavoro perfetto”, ma l’improvvisa scomparsa della sua autrice si prese anche il destino del romanzo. Ida Simons, pianista di fama internazionale, sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti, tornò alla vita del dopoguerra consegnando un’opera di grande poesia e vivacità, figlia di un talento straordinario, il luminoso spaccato di un modo di stare al mondo che di lì a poco sarebbe stato tragicamente sommerso.

Commenti

Autore


  • Ida Simons

    (Anversa 1911 - L’Aia 1960) si trasferisce nei Paesi Bassi con i genitori durante la Prima guerra mondiale. A diciannove anni debutta come pianista al Cercle Musical Juif di Anversa. Conosce un rapi [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: LA SCALA
    • Prezzo: 16.00 €
    • Pagine: 240
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817080262
    • ISBN E-book: 9788858679319

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...