Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Ti racconto la mia storia

Rizzoli
Copertina di: Ti racconto la mia storia

Dialogo tra nonna e nipote sull’ebraismo

Dall’esilio negli Stati Uniti alla guida della Comunità ebraica: la vita di una donna straordinaria per comprendere luci e ombre del Novecento.

Quando uscirono i primi decreti razziali Tullia Zevi aveva solo diciott’anni e dalla Svizzera, dove si trovava in villeggiatura, non poté far ritorno in Italia fino alla fine della guerra. La sua vita, come quella di tanti altri, ne fu sconvolta. Dall’esilio in Svizzera, poi Parigi, l’America e infine Roma: quella di Tullia è l’avventura intellettuale e politica di una ragazza milanese maturata sotto il regime, ma che attraverso quella via pervenne all’antifascismo, e la sua autobiografia costituisce una sintesi della migliore storia d’Italia: da Gaetano Salvemini ad Amelia Rosselli, Aldo Garosci, Alberto Tarchiani, Alberto Cianca, Bruno Pontercorvo e suo marito Bruno Zevi, persone che hanno lottato e dedicato la vita a un ideale.
Una testimonianza tanto importante che ha il dovere di essere raccolta, in particolare da chi con Tullia condivide il nome e gli affetti: Nathania Zevi. Sedute l’una di fronte all’altra, abbandonata la diffidenza che separa generazioni tanto distanti, nonna e nipote riscoprono il valore di un dialogo che non si limita alle regole intime di un lessico famigliare, ma si intreccia con la Storia, con le sue contraddizioni e i suoi protagonisti. Da Frank Sinatra a re Hussein di Giordania, Tullia Zevi ripercorre un secolo intero con ironia e leggerezza.

Ti racconto la mia storia restituisce la ricchezza di una conversazione che affonda le radici nel terreno di un’identità comune, alternando alle voci delle sue protagoniste quella di un ebraismo che è prima di tutto volontà di pace, perché gli errori del passato non si dimentichino e dalle incomprensioni che agitano il mondo d’oggi nasca la possibilità di un confronto fertile sereno.