Sulla razza

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


“Potremo vincere le sfide del nostro tempo
solo se comprenderemo che abbiamo origini diverse
ma le stesse speranze”

“In nessun altro Paese della terra sarebbe possibile una storia come la mia.” Nel suo ormai celebre discorso “sulla razza” del 18 marzo 2008 a Filadelfia, Barack Obama ha risposto a chi lo aveva accusato di disprezzare i bianchi e a chi si opponeva alla candidatura di un afroamericano alla Casa Bianca. Diffidenza e ostilità separano ancora i popoli, ha detto, e spesso assumono la forma di un odio violento ; ma un futuro di convivenza è possibile. Il suo discorso appassionatamente politico e umano è stato paragonato alla fondamentale lezione con cui nel 1859 Lincoln, all’epoca non ancora presidente, si oppose all’estensione della schiavitù nei nuovi territori, iniziando così il cammino verso la liberazione dei neri.
A distanza di centocinquant’anni, sostiene Obama , l’America deve ritrovare gli stessi principi e le stesse speranze e portare a compimento quell’integrazione che tutti auspicano e nessuno, finora, ha saputo realizzare. Le sue parole risuonano come un avvertimento per tutto il nostro Occidente in crisi, assediato da razzismi e paure, bisognoso di ritrovare il grande ideale della solidarietà e dell’uguaglianza.

“Potremo vincere le sfide del nostro tempo
solo se comprenderemo che abbiamo origini diverse
ma le stesse speranze”

“In nessun altro Paese della terra sarebbe possibile una storia come la mia.” Nel suo ormai celebre discorso “sulla razza” del 18 marzo 2008 a Filadelfia, Barack Obama ha risposto a chi lo aveva accusato di disprezzare i bianchi e a chi si opponeva alla candidatura di un afroamericano alla Casa Bianca. Diffidenza e ostilità separano ancora i popoli, ha detto, e spesso assumono la forma di un odio violento ; ma un futuro di convivenza è possibile. Il suo discorso appassionatamente politico e umano è stato paragonato alla fondamentale lezione con cui nel 1859 Lincoln, all’epoca non ancora presidente, si oppose all’estensione della schiavitù nei nuovi territori, iniziando così il cammino verso la liberazione dei neri.
A distanza di centocinquant’anni, sostiene Obama , l’America deve ritrovare gli stessi principi e le stesse speranze e portare a compimento quell’integrazione che tutti auspicano e nessuno, finora, ha saputo realizzare. Le sue parole risuonano come un avvertimento per tutto il nostro Occidente in crisi, assediato da razzismi e paure, bisognoso di ritrovare il grande ideale della solidarietà e dell’uguaglianza.

Commenti

Autore


  • Barack Obama

    Barack Obama è il primo candidato di colore alla presidenza degli Stati Uniti. Figlio di padre africano originario del Kenia e madre bianca del Texas, si è laureato alla Columbia University e alla H [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 10.50 €
    • Pagine: 80
    • Formato libro: 18 x 12
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817027885

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...