Sette uomini d’oro

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


“Videro Sette uomini d’oro al cinema Centrale, e ne rimasero folgorati.” Ma a folgorare i protagonisti di questo romanzo fu anche, o soprattutto, Rossana Podestà, che nella scena iniziale indossa una pelliccia di ermellino. E poco altro.

“Tutta l’infelicità del mondo dipende dal fatto che nessuno vuol restare a casa sua”. Questa frase di Pascal campeggia sulla porta di casa Licalzi. L’esatto contrario dello zerbino con su scritto “Welcome”.

Anche se può sembrare improbabile, c’è chi giura di aver visto Naomi Campbell sorseggiare un biancoamaro al bar Pippi di Busalla l’estate scorsa.

Castagnabuona, Valle Scrivia. Ottocentocinquantadue anime che gravitano come satelliti attorno all’unico bar del paese. Vista da qui Busalla sembra New York; Genova addirittura un altro pianeta. Trent’anni fa, tre amici sedicenni — Giggi Cepollina, Cinghialone e Aurelio Fierro — sognavano di fare insieme il colpo del secolo dopo essere stati folgorati da Sette uomini d’oro, il film con Rossana Podestà e Philippe Leroy visto al cinema Centrale di Busalla. Oggi Giggi e Cinghialone tirano ostinatamente a campare nel loro ridente e desolato paesino: il primo è infelicemente sposato con un generale di nome Paolina; e il secondo, un gigante buono dai muscoli d’acciaio e dal cuore di burro, coltiva una tenera e disperata storia d’amore con Consuelo, un’ecuadoregna che batte in via di Francia. Di Aurelio Fierro, napoletano naturalizzato castagnabuonese, si sono invece perse le tracce, misteriosamente, dopo il servizio militare. Ma la sua strada è destinata a incrociare di nuovo quella dei due vecchi amici nel modo più clamoroso e imprevedibile. Basta un’occasione — la possibilità del tutto inattesa di mettere a segno un furto ai danni di un ricco e spietatissimo boss — per riaccendere di colpo i sogni e restituire al vecchio trio l’audacia e l’incoscienza di un tempo. Perché a volte diventare grandi significa trovare il coraggio di tornare bambini.

A metà strada tra il noir e la commedia all’italiana, Sette uomini d’oro è una irresistibile gangster story dei nostri tempi, ma anche un affettuoso spaccato, tra allegria, nostalgia e disincanto, della vita di provincia e dei suoi mitici “personaggi”. E una appassionata celebrazione dell’amore, dell’amicizia e del senso del tempo che passa, raccontati con la leggerezza, la verve e l’ironia del miglior Licalzi.

“Videro Sette uomini d’oro al cinema Centrale, e ne rimasero folgorati.” Ma a folgorare i protagonisti di questo romanzo fu anche, o soprattutto, Rossana Podestà, che nella scena iniziale indossa una pelliccia di ermellino. E poco altro.

“Tutta l’infelicità del mondo dipende dal fatto che nessuno vuol restare a casa sua”. Questa frase di Pascal campeggia sulla porta di casa Licalzi. L’esatto contrario dello zerbino con su scritto “Welcome”.

Anche se può sembrare improbabile, c’è chi giura di aver visto Naomi Campbell sorseggiare un biancoamaro al bar Pippi di Busalla l’estate scorsa.

Castagnabuona, Valle Scrivia. Ottocentocinquantadue anime che gravitano come satelliti attorno all’unico bar del paese. Vista da qui Busalla sembra New York; Genova addirittura un altro pianeta. Trent’anni fa, tre amici sedicenni — Giggi Cepollina, Cinghialone e Aurelio Fierro — sognavano di fare insieme il colpo del secolo dopo essere stati folgorati da Sette uomini d’oro, il film con Rossana Podestà e Philippe Leroy visto al cinema Centrale di Busalla. Oggi Giggi e Cinghialone tirano ostinatamente a campare nel loro ridente e desolato paesino: il primo è infelicemente sposato con un generale di nome Paolina; e il secondo, un gigante buono dai muscoli d’acciaio e dal cuore di burro, coltiva una tenera e disperata storia d’amore con Consuelo, un’ecuadoregna che batte in via di Francia. Di Aurelio Fierro, napoletano naturalizzato castagnabuonese, si sono invece perse le tracce, misteriosamente, dopo il servizio militare. Ma la sua strada è destinata a incrociare di nuovo quella dei due vecchi amici nel modo più clamoroso e imprevedibile. Basta un’occasione — la possibilità del tutto inattesa di mettere a segno un furto ai danni di un ricco e spietatissimo boss — per riaccendere di colpo i sogni e restituire al vecchio trio l’audacia e l’incoscienza di un tempo. Perché a volte diventare grandi significa trovare il coraggio di tornare bambini.

A metà strada tra il noir e la commedia all’italiana, Sette uomini d’oro è una irresistibile gangster story dei nostri tempi, ma anche un affettuoso spaccato, tra allegria, nostalgia e disincanto, della vita di provincia e dei suoi mitici “personaggi”. E una appassionata celebrazione dell’amore, dell’amicizia e del senso del tempo che passa, raccontati con la leggerezza, la verve e l’ironia del miglior Licalzi.

Commenti

Autore


  • Lorenzo Licalzi

    è nato a Genova e vive a Pieve Ligure. Tra i suoi romanzi, disponibili in Rizzoli e BUR, ricordiamo il bestseller Il privilegio di essere un guru, premio Selezione Bancarella 2005, Io no, da cui è s [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Prezzo: 15.00 €
    • Pagine: 196
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817023191
    • ISBN E-book: 9788858619827

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...