Resilienza

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...

,

la scienza di adattarsi ai cambiamenti

Per gli ingegneri è la capacità di un materiale di resistere agli urti senza spezzarsi; per gli psicologi è la risorsa che consente di superare traumi e dolori più rapidamente; in ecologia descrive la predisposizione di un sistema a ritrovare l’equilibrio dopo uno shock esterno. Oggi il concetto di “resilienza” affascina soprattutto gli economisti, ed è facile capire il perché. Gli sconvolgimenti che affrontiamo quotidianamente si verificano a un ritmo sempre più intenso e irregolare, sfuggendo così a ogni previsione. I casi più gravi – dai disastri naturali alla recente crisi finanziaria – diventano pietre di paragone, ma cresce anche il numero dei traumi non altrettanto famosi, amplificati dallo strisciante aumento delle vulnerabilità del sistema: una città è mandata in malora dalla dislocazione economica; un’azienda viene annientata dalla globalizzazione; una trasformazione ecologica rende impraticabile uno stile di vita secolare. La volatilità, in ogni settore, è oggi diventata la norma e pare destinata a rimanere tale. In tutto il mondo scienziati, politici, tecnologi, imprenditori e attivisti si stanno ponendo la medesima domanda: perché un sistema crolla mentre un altro riesce a riprendersi? “Se è vero che non siamo in grado di controllare le maree del cambiamento, possiamo però imparare a costruire imbarcazioni migliori; a progettare o ridisegnare organizzazioni, istituzioni e sistemi capaci di assorbire meglio gli sconvolgimenti, di operare sotto una più ampia varietà di condizioni e di passare con maggiore fluidità da una situazione all’altra”. Si tratta di sviluppare caratteristiche come l’agilità, la cooperazione, la connettività e la diversità, che consentano di prevenire le crisi o, in condizioni di stress, di attuare rapidamente strategie adattative come, per esempio, l’atomizzazione (la capacità di suddividere un sistema in singole parti autonome) e il decoupling (per disconnettere i sistemi in modo da interrompere la diffusione di un problema). In questo saggio, che è subito diventato un punto di riferimento nel dibattito attuale sulla complessità del mondo contemporaneo, attraverso un’analisi all’avanguardia in grado di interpretare e anticipare le tendenze del futuro, gli autori ci spiegano come gestire un mondo in perpetuo squilibrio e come trasformare la resilienza in una risorsa per tutti.

la scienza di adattarsi ai cambiamenti

Per gli ingegneri è la capacità di un materiale di resistere agli urti senza spezzarsi; per gli psicologi è la risorsa che consente di superare traumi e dolori più rapidamente; in ecologia descrive la predisposizione di un sistema a ritrovare l’equilibrio dopo uno shock esterno. Oggi il concetto di “resilienza” affascina soprattutto gli economisti, ed è facile capire il perché. Gli sconvolgimenti che affrontiamo quotidianamente si verificano a un ritmo sempre più intenso e irregolare, sfuggendo così a ogni previsione. I casi più gravi – dai disastri naturali alla recente crisi finanziaria – diventano pietre di paragone, ma cresce anche il numero dei traumi non altrettanto famosi, amplificati dallo strisciante aumento delle vulnerabilità del sistema: una città è mandata in malora dalla dislocazione economica; un’azienda viene annientata dalla globalizzazione; una trasformazione ecologica rende impraticabile uno stile di vita secolare. La volatilità, in ogni settore, è oggi diventata la norma e pare destinata a rimanere tale. In tutto il mondo scienziati, politici, tecnologi, imprenditori e attivisti si stanno ponendo la medesima domanda: perché un sistema crolla mentre un altro riesce a riprendersi? “Se è vero che non siamo in grado di controllare le maree del cambiamento, possiamo però imparare a costruire imbarcazioni migliori; a progettare o ridisegnare organizzazioni, istituzioni e sistemi capaci di assorbire meglio gli sconvolgimenti, di operare sotto una più ampia varietà di condizioni e di passare con maggiore fluidità da una situazione all’altra”. Si tratta di sviluppare caratteristiche come l’agilità, la cooperazione, la connettività e la diversità, che consentano di prevenire le crisi o, in condizioni di stress, di attuare rapidamente strategie adattative come, per esempio, l’atomizzazione (la capacità di suddividere un sistema in singole parti autonome) e il decoupling (per disconnettere i sistemi in modo da interrompere la diffusione di un problema). In questo saggio, che è subito diventato un punto di riferimento nel dibattito attuale sulla complessità del mondo contemporaneo, attraverso un’analisi all’avanguardia in grado di interpretare e anticipare le tendenze del futuro, gli autori ci spiegano come gestire un mondo in perpetuo squilibrio e come trasformare la resilienza in una risorsa per tutti.

Commenti

Autori (2)


  • Ann Marie Healy

    è scrittrice e giornalista.

  • Andrew Zolli

    è l’organizzatore di PopTech, una fiera annuale dedicata all’innovazione tecnologica e imprenditoriale, un appuntamento fisso per imprenditori, scienziati, inventori alla scoperta delle nuove ten [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Genere e argomento: Politica e Attualità
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 19.00 €
    • Pagine: 378
    • Formato libro: 21 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817074834

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...