Più uguali più ricchi

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Non abbiamo bisogno di manovre o aggiustamenti, quello che ci serve è un cambio di orizzonte mentale, un nuovo paradigma economico, sociale e politico che rompa con gli schemi del passato: analizzando le numerose occasioni perse dal nostro bipolarismo imperfetto negli ultimi vent’anni, Yoram Gutgeld dimostra in questa sua appassionata analisi che il declino del nostro Paese non è un processo irreversibile e che possiamo ancora tornare competitivi. Ma per ripartire dobbiamo subito accantonare una serie di luoghi comuni e alibi che non solo hanno impoverito il nostro dibattito politico, ma hanno oscurato i veri problemi che attanagliano il Paese. Dagli sprechi della pubblica amministrazione ?alle inefficienze della sanità, dalle occasioni mancate nel settore turistico alle buste paga dei lavoratori che devono assolutamente ricominciare a crescere, l’autore osserva le singole realtà italiane avanzando ogni volta proposte concrete, e spesso a costo zero, che permettano di superare le criticità. Più uguali, più ricchi racconta un Paese in cui la prima battaglia da vincere è proprio quella contro le iniquità che non sono solo all’origine dell’ingiustizia sociale, ma rappresentano anche un freno allo sviluppo economico. Portare l’equità al centro del dibattito politico non significa creare un Paese di uguali, ma uno in cui le imprese riescono a operare al meglio e le persone vengono premiate secondo le proprie capacità. Un Paese più giusto è un Paese che cresce di più, che riconosce il merito senza trascurare i più deboli e in cui tutti possiamo essere più ricchi. Basta volerlo.

Non abbiamo bisogno di manovre o aggiustamenti, quello che ci serve è un cambio di orizzonte mentale, un nuovo paradigma economico, sociale e politico che rompa con gli schemi del passato: analizzando le numerose occasioni perse dal nostro bipolarismo imperfetto negli ultimi vent’anni, Yoram Gutgeld dimostra in questa sua appassionata analisi che il declino del nostro Paese non è un processo irreversibile e che possiamo ancora tornare competitivi. Ma per ripartire dobbiamo subito accantonare una serie di luoghi comuni e alibi che non solo hanno impoverito il nostro dibattito politico, ma hanno oscurato i veri problemi che attanagliano il Paese. Dagli sprechi della pubblica amministrazione ?alle inefficienze della sanità, dalle occasioni mancate nel settore turistico alle buste paga dei lavoratori che devono assolutamente ricominciare a crescere, l’autore osserva le singole realtà italiane avanzando ogni volta proposte concrete, e spesso a costo zero, che permettano di superare le criticità. Più uguali, più ricchi racconta un Paese in cui la prima battaglia da vincere è proprio quella contro le iniquità che non sono solo all’origine dell’ingiustizia sociale, ma rappresentano anche un freno allo sviluppo economico. Portare l’equità al centro del dibattito politico non significa creare un Paese di uguali, ma uno in cui le imprese riescono a operare al meglio e le persone vengono premiate secondo le proprie capacità. Un Paese più giusto è un Paese che cresce di più, che riconosce il merito senza trascurare i più deboli e in cui tutti possiamo essere più ricchi. Basta volerlo.

Commenti

Autore


  • Yoram Gutgeld

    nato a Tel Aviv nel 1959, ha studiato a Gerusalemme e a Los Angeles. Filosofo e matematico di formazione, è manager ed esperto nella soluzione dei problemi e nella gestione dei cambiamenti. Ha lavora [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 16.00 €
    • Pagine: 216
    • Formato libro: 21 x 14
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817070560
    • ISBN E-book: 9788858662847

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...