Paranoid Park

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Per scegliere i 4 giovani protagonisti del film tratto da questo libro, il regista Gus Van Sant ha lanciato il casting su Internet, organizzando veri e propri “provini virtuali”. Hanno risposto in migliaia.

 

In Italia, la capitale dello skatebord è Roma, dove si trova The Spot Skate, il più grande skatepark outdoor che esista in Italia.

 

Il Comitato olimpico ha proposto lo skateboard come nuova disciplina sportiva da introdurre ai Giochi di Londra del 2012.

 

Hai sedici anni e una tavola da skate. È settembre, stai cominciando l’ultimo anno del liceo. Non è che ti vada tutto bene, perché tuo padre è andato via di casa, tua madre si imbottisce di tranquillanti, e tu stai uscendo con una Jennifer qualunque che non ti fa battere il cuore. Ma con le tue Vans rovinate, la felpa col cappuccio e lo skateboard sotto i piedi puoi andare dove vuoi. Persino al Paranoid Park, il paradiso proibito degli skater, dove il destino a volte si mette a correre all’impazzata, per frenare solo quando è ormai troppo tardi. È così che Alex si ritrova al centro di un dramma molto più grande di lui. Un errore, una bravata, un attimo di fatale distrazione: nell’arco di pochi, brevissimi istanti, Alex ha fatto qualcosa di cui non si credeva capace, ed è nei guai fino al collo.

La sua felpa è macchiata di sangue, il sangue di qualcun altro. E lui è solo, perché certe cose non riesci a raccontarle a nessuno, nemmeno agli amici con cui pensavi di poter condividere tutto.

Alex deve vedersela con il peso del segreto, con il senso di colpa, con la paura e il desiderio di essere scoperto. E rimpiange la leggerezza di prima, quando i problemi erano un litigio davanti agli armadietti di scuola, o l’attesa della fantomatica prima volta, o il gusto amaro di una sconfitta a una partita di calcio improvvisata.

Il romanzo che ha ispirato l’ultimo film di Gus Van Sant, premio speciale al festival di Cannes 2007, è una storia che si legge d’un fiato, una favola fin troppo reale sul coraggio di affrontare se stessi, i propri sbagli, e gli anni belli e difficili in cui ogni giorno si cresce un po’ di più.

Per scegliere i 4 giovani protagonisti del film tratto da questo libro, il regista Gus Van Sant ha lanciato il casting su Internet, organizzando veri e propri “provini virtuali”. Hanno risposto in migliaia.

 

In Italia, la capitale dello skatebord è Roma, dove si trova The Spot Skate, il più grande skatepark outdoor che esista in Italia.

 

Il Comitato olimpico ha proposto lo skateboard come nuova disciplina sportiva da introdurre ai Giochi di Londra del 2012.

 

Hai sedici anni e una tavola da skate. È settembre, stai cominciando l’ultimo anno del liceo. Non è che ti vada tutto bene, perché tuo padre è andato via di casa, tua madre si imbottisce di tranquillanti, e tu stai uscendo con una Jennifer qualunque che non ti fa battere il cuore. Ma con le tue Vans rovinate, la felpa col cappuccio e lo skateboard sotto i piedi puoi andare dove vuoi. Persino al Paranoid Park, il paradiso proibito degli skater, dove il destino a volte si mette a correre all’impazzata, per frenare solo quando è ormai troppo tardi. È così che Alex si ritrova al centro di un dramma molto più grande di lui. Un errore, una bravata, un attimo di fatale distrazione: nell’arco di pochi, brevissimi istanti, Alex ha fatto qualcosa di cui non si credeva capace, ed è nei guai fino al collo.

La sua felpa è macchiata di sangue, il sangue di qualcun altro. E lui è solo, perché certe cose non riesci a raccontarle a nessuno, nemmeno agli amici con cui pensavi di poter condividere tutto.

Alex deve vedersela con il peso del segreto, con il senso di colpa, con la paura e il desiderio di essere scoperto. E rimpiange la leggerezza di prima, quando i problemi erano un litigio davanti agli armadietti di scuola, o l’attesa della fantomatica prima volta, o il gusto amaro di una sconfitta a una partita di calcio improvvisata.

Il romanzo che ha ispirato l’ultimo film di Gus Van Sant, premio speciale al festival di Cannes 2007, è una storia che si legge d’un fiato, una favola fin troppo reale sul coraggio di affrontare se stessi, i propri sbagli, e gli anni belli e difficili in cui ogni giorno si cresce un po’ di più.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Prezzo: 14.00 €
    • Pagine: 132
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817019767

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...