L’orchestra degli esuli

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...

,

La vera storia del violinista che sfidò Hitler

All’inizio degli anni Trenta Bronislaw Huberman è un musicista di eccezionale talento e fama, cresciuto in una famiglia poverissima con un padre padrone che ha sempre riversato su di lui tutte le sue ambizioni musicali frustrate. All’apice della gloria, tenendosi ben lontano dalla politica, Huberman si considera «in primo luogo un violinista, poi un polacco, un europeo e un ebreo». Ma improvvisamente il mondo va in pezzi: la politica antisemita di Hitler si inasprisce fino a culminare nelle leggi razziali, Huberman non può più rimanere indifferente e si vota anima e corpo alla causa dell’antinazismo. Utilizzando la sua unica arma: la musica. Nasce così l’idea di fondare l’Orchestra Sinfonica Palestinese, un ensemble di meravigliosi musicisti esclusivamente ebrei, così da richiamare in Terra Santa oltre mille persone – soprattutto dai territori già in mano a Hitler – e salvarle di fatto dall’Olocausto imminente. La Sinfonica diventa la magnifica ossessione di Huberman, un’ossessione intorno alla quale chiama a raccolta tanti amici, i colleghi, i più illuminati leader politici ebrei. Si impone una rocambolesca lotta contro il tempo per selezionare personalmente i musicisti, ottenere i permessi, e soprattutto raccogliere fondi. Quando tutto sembra perduto è Albert Einstein l’uomo della provvidenza: conquistato anch’egli alla causa, organizza con Huberman un ricevimento al Waldorf Astoria di New York durante il quale vengono raccolti gli ottantamila dollari che mancano per far partire il progetto in Palestina. Il 1° dicembre 1936, sotto il tetto pericolante del Padiglione del Levante di Tel Aviv, l’Orchestra composta da settanta musicisti di oltre quindici Paesi diversi sale per la prima volta sul palco, diretta nientemeno che dal maestro Toscanini, antifascista e antinazista convinto. Dentro si accalcano circa tremila persone, fuori se ne assiepano altre centinaia, chi con un orecchio premuto contro il muro, chi con lo sguardo fisso a una finestra. È un trionfo. Di fratellanza universale prima ancora che musicale. L’orchestra degli esuli è un libro emozionante e poetico, che commuove e diverte raccontando una storia straordinaria di resistenza culturale e umanità.

La vera storia del violinista che sfidò Hitler

All’inizio degli anni Trenta Bronislaw Huberman è un musicista di eccezionale talento e fama, cresciuto in una famiglia poverissima con un padre padrone che ha sempre riversato su di lui tutte le sue ambizioni musicali frustrate. All’apice della gloria, tenendosi ben lontano dalla politica, Huberman si considera «in primo luogo un violinista, poi un polacco, un europeo e un ebreo». Ma improvvisamente il mondo va in pezzi: la politica antisemita di Hitler si inasprisce fino a culminare nelle leggi razziali, Huberman non può più rimanere indifferente e si vota anima e corpo alla causa dell’antinazismo. Utilizzando la sua unica arma: la musica. Nasce così l’idea di fondare l’Orchestra Sinfonica Palestinese, un ensemble di meravigliosi musicisti esclusivamente ebrei, così da richiamare in Terra Santa oltre mille persone – soprattutto dai territori già in mano a Hitler – e salvarle di fatto dall’Olocausto imminente. La Sinfonica diventa la magnifica ossessione di Huberman, un’ossessione intorno alla quale chiama a raccolta tanti amici, i colleghi, i più illuminati leader politici ebrei. Si impone una rocambolesca lotta contro il tempo per selezionare personalmente i musicisti, ottenere i permessi, e soprattutto raccogliere fondi. Quando tutto sembra perduto è Albert Einstein l’uomo della provvidenza: conquistato anch’egli alla causa, organizza con Huberman un ricevimento al Waldorf Astoria di New York durante il quale vengono raccolti gli ottantamila dollari che mancano per far partire il progetto in Palestina. Il 1° dicembre 1936, sotto il tetto pericolante del Padiglione del Levante di Tel Aviv, l’Orchestra composta da settanta musicisti di oltre quindici Paesi diversi sale per la prima volta sul palco, diretta nientemeno che dal maestro Toscanini, antifascista e antinazista convinto. Dentro si accalcano circa tremila persone, fuori se ne assiepano altre centinaia, chi con un orecchio premuto contro il muro, chi con lo sguardo fisso a una finestra. È un trionfo. Di fratellanza universale prima ancora che musicale. L’orchestra degli esuli è un libro emozionante e poetico, che commuove e diverte raccontando una storia straordinaria di resistenza culturale e umanità.

Commenti

Autori (2)


  • Josh Aronson

    è scrittore, produttore e regista. Nel 2012 è uscito il suo documentario su Bronislaw Huberman, Orchestra of Exiles, fondamentale per la realizzazione di questo libro.

  • Denise George

    è scrittore, produttore e regista. Nel 2012 è uscito il suo documentario su Bronislaw Huberman, Orchestra of Exiles, fondamentale per la realizzazione di questo libro.


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: VARIA
    • Prezzo: 20.00 €
    • Pagine: 378
    • Formato libro: 21 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817092371
    • ISBN E-book: 9788858687680

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...