Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Lo svedese

Robert Karjel

Rizzoli

Ernst Grip, guardia del corpo reale e agente della Polizia di sicurezza svedese, viene convocato dall’FBI a New York e portato in uno sperduto atollo dell’Oceano Indiano per interrogare un detenuto di cui non si comprende la nazionalità. L’ipotesi è che il prigioniero sia svedese e sia coinvolto in un attacco terroristico di matrice islamica avvenuto in Kansas, ma poiché si rifiuta di parlare, sembra impossibile identificarlo. L’agente si trova davanti una specie di fantasma: ciò che resta di un uomo che ha subito per mesi e mesi le più atroci torture. Lentamente, però, il prigioniero comincia a raccontare, e Grip rimane invischiato in un’indagine che parte da fatti avvenuti in Thailandia subito dopo lo tsunami del 2004, si intreccia a una serie di furti di opere d’arte, agli interessi di uno spietato trafficante d’armi americano e si insinua nelle pieghe più oscure del terrorismo internazionale. Ma scoprirà qualcosa di ancor più sconcertante: che la sua vita e quella del misterioso detenuto sono legate in maniera inaspettata ma indissolubile. Thriller sofisticato e dal ritmo incalzante, Lo Svedese indaga nel cuore della psiche umana e della politica internazionale gettando una luce nuova sui compromessi morali che le persone, e le nazioni, sono costrette a fare in condizioni estreme. Karjel non solo ci dimostra di conoscere a fondo i meccanismi dell’intelligence e dell’indagine investigativa ma anche di saper dar vita a personaggi indimenticabili e dal volto profondamente umano. Con questo romanzo, tradotto in dieci lingue, e i successivi, l’agente Grip è destinato a entrare nell’olimpo dei grandi detective della letteratura. La Twentieth Century Fox ha acquisito i diritti cinematografici per realizzarne una serie televisiva.