L’aria è ottima (quando riesce a passare)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...

,

Io, attore, fine-pena-mai

Arrivo a Volterra che è novembre, è sera e fa un freddo cane. Dal cellulare blindato, il Ducato, non vedo niente e mi è venuto il mal di stomaco per le curve. Volterra è proprio ’ncopp’ a ’na muntagna. Maronna mia, ma dove mi stanno portando, in un carcere sperduto d’o Pataterno. Quella sera, Aniello Arena non sapeva che proprio in quel carcere sperduto d’o Pataterno sarebbe rinato. Allora, per usare le sue parole, “ero ancora un pezzo di carne che camminava”. Ma partiamo dall’inizio di questa storia durissima che Aniello ha trovato la forza di raccontare. A Barra, quartiere degradato alla periferia est di Napoli, lui è uno scugnizzo con il fuoco dentro e troppo poche possibilità. Dalle sue parti tanto è difficile costruirsi una vita “regolare”, quanto è facile arrangiarsi ai margini della legalità, finire in un brutto giro e commettere errori che, prima o poi, si pagheranno salati. È così che Aniello, ancora giovanissimo, entra per la prima volta a Poggioreale, un carcere che “è un rimedio peggiore del male che dovrebbe curare”. Ne esce, ma ormai è preso nella spirale degli errori e, nonostante abbia moglie e figli che ama, non riesce a rimettersi su una buona via. Anzi. Presto è un’escalation che, passando per diversi penitenziari, porta dritto all’ergastolo. Fine-pena-mai. Un abisso che svela con parole vibranti, descrivendo la vita carceraria come nessun altro ha fatto finora, con cruda autenticità ma non senza lasciarsi sfuggire, ogni tanto, un guizzo d’ironia. Ed è, alla fine, questa sua vitalità profonda che viene alla luce e lo salva. A far scaturire il cambiamento è Armando Punzo che, da venticinque anni, con la sua Compagnia della Fortezza, coltiva il sogno concreto di realizzare un Teatro Stabile nel carcere di Volterra. L’aria è ottima (quando riesce a passare) è un libro unico. La storia vera di un talento straordinario del nostro cinema e del nostro teatro, riconosciuto dal Nastro d’Argento 2013, e allo stesso tempo un cammino intensissimo dagli inferi dell’uomo a una nuova alba.

Io, attore, fine-pena-mai

Arrivo a Volterra che è novembre, è sera e fa un freddo cane. Dal cellulare blindato, il Ducato, non vedo niente e mi è venuto il mal di stomaco per le curve. Volterra è proprio ’ncopp’ a ’na muntagna. Maronna mia, ma dove mi stanno portando, in un carcere sperduto d’o Pataterno. Quella sera, Aniello Arena non sapeva che proprio in quel carcere sperduto d’o Pataterno sarebbe rinato. Allora, per usare le sue parole, “ero ancora un pezzo di carne che camminava”. Ma partiamo dall’inizio di questa storia durissima che Aniello ha trovato la forza di raccontare. A Barra, quartiere degradato alla periferia est di Napoli, lui è uno scugnizzo con il fuoco dentro e troppo poche possibilità. Dalle sue parti tanto è difficile costruirsi una vita “regolare”, quanto è facile arrangiarsi ai margini della legalità, finire in un brutto giro e commettere errori che, prima o poi, si pagheranno salati. È così che Aniello, ancora giovanissimo, entra per la prima volta a Poggioreale, un carcere che “è un rimedio peggiore del male che dovrebbe curare”. Ne esce, ma ormai è preso nella spirale degli errori e, nonostante abbia moglie e figli che ama, non riesce a rimettersi su una buona via. Anzi. Presto è un’escalation che, passando per diversi penitenziari, porta dritto all’ergastolo. Fine-pena-mai. Un abisso che svela con parole vibranti, descrivendo la vita carceraria come nessun altro ha fatto finora, con cruda autenticità ma non senza lasciarsi sfuggire, ogni tanto, un guizzo d’ironia. Ed è, alla fine, questa sua vitalità profonda che viene alla luce e lo salva. A far scaturire il cambiamento è Armando Punzo che, da venticinque anni, con la sua Compagnia della Fortezza, coltiva il sogno concreto di realizzare un Teatro Stabile nel carcere di Volterra. L’aria è ottima (quando riesce a passare) è un libro unico. La storia vera di un talento straordinario del nostro cinema e del nostro teatro, riconosciuto dal Nastro d’Argento 2013, e allo stesso tempo un cammino intensissimo dagli inferi dell’uomo a una nuova alba.

Commenti

Autori (2)


  • Maria Cristina Olati

    è nata a Napoli, dove si è laureata in Filosofia presso l’Università degli studi “L’Orientale”. Ha scoperto la passione per l’editoria a Milano, quella per i libri ce l’aveva da sempre. [...]

  • Aniello Arena

    è nato a Napoli nel 1968 e attualmente è detenuto presso il carcere di Volterra. Si è formato come attore presso la Compagnia della Fortezza diretta da Armando Punzo. Protagonista del film Reality [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Prezzo: 16.00 €
    • Pagine: 224
    • Formato libro: 21 x 15
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817066013
    • ISBN E-book: 9788858662496

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...