Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

La Storia sono loro

Giovanni Minoli

Rizzoli
Copertina di: La Storia sono loro

Caspar Weinberger, ex segretario alla Difesa degli Stati Uniti, incalzato da Minoli in un acceso faccia a faccia, alla domanda “Ma c’è una cosa che non rifarebbe?”, rispose “Sì, un’intervista con lei. Troppo difficile”.
Dovevano essere in molti a pensarla così, se Enrico Berlinguer, terminata l’intervista (forse l’unica mai concessa al di fuori degli spazi elettorali), confessò: “Ho detto più cose in questa mezz’ora di quante ne abbia dette in anni e anni di Tribuna politica”. Di sicuro c’è che, con un programma come Mixer, Giovanni Minoli ha creato una formula innovativa e originale che ha costretto i grandi del nostro Paese a mettersi a nudo.
Questa raccolta di interviste ripercorre gli ultimi trent’anni di storia italiana attraverso le parole (e talvolta i silenzi) di coloro che di quegli eventi sono stati protagonisti: dalle riflessioni di Craxi sul sequestro Moro e sui suoi quattro anni al governo alle esternazioni di Cossiga dopo le sue dimissioni dal Quirinale; dalla stagione di Tangentopoli alla discesa in campo di Berlusconi, che alle telecamere di Mixer annuncia l’avvento di “un grande e nuovo miracolo italiano”. Come in un duello all’ultimo respiro, le parole dei testimoni di un’epoca raccontano trent’anni di progetti, sogni, illusioni, bugie, analisi e slanci. Una prospettiva del tutto inedita su quello che l’Italia è stata ed è diventata.

Il sequestro Moro nelle parole di Craxi. La prima intervista a Berlinguer al di fuori delle tribune politiche e la fine del Pci raccontata da Occhetto.
Berlusconi sul conflitto d’interessi all’indomani della discesa in campo. L’addio al Quirinale di Cossiga.

PROTAGONISTI E RETROSCENA NEGLI INCONTRI DI UN MAESTRO DELL’INFORMAZIONE TELEVISIVA.