La storia delle prime pagine del Corriere della Sera 1876 – 2013

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Attraverso quasi 500 prime pagine della maggiore testata d’informazione italiana, ?questo volume ripercorre i grandi eventi della storia d’Italia e del mondo, dalla fine dell’Ottocento al Fascismo, dal dopoguerra ?al crollo del muro di Berlino, fino ai momenti fondanti della complessa realtà di oggi.
Gli avvenimenti più importanti si scolpiscono nella memoria attraverso un’ampia scelta ?di prime pagine “storiche”. Un repertorio ?unico che off

Fondato a Milano nel marzo del 1876 ?da Eugenio Torelli Viollier, composto da sole quattro pagine, con sede in Galleria Vittorio Emanuele, il Corriere della Sera da subito vuole offrire un’informazione il più possibile estranea ai condizionamenti ideologici e dei partiti politici. Fedele ai valori migliori del Risorgimento, visto come espressione del liberalismo democratico ?e parlamentare, il quotidiano – che dal 1904 in poi si trasferisce nella storica sede di via Solferino 28 – unisce la puntuale attenzione ?alle notizie riguardanti tutti gli ambiti della vita collettiva e la capacità di formare un’opinione pubblica consapevole. Una linea esaltata dalle doti giornalistiche e organizzative di grandi direttori che si sono succeduti – a partire da ?Luigi Albertini – che, nei primi venticinque anni del Novecento, porta il giornale al livello della grande stampa internazionale. Nel corso della sua storia, sulle pagine ?del quotidiano scrivono molte delle migliori ?firme della cultura italiana e i più grandi giornalisti del Novecento, fra i quali Indro Montanelli, Gaetano Afeltra, Guido Piovene, Enzo Biagi, Giovanni Spadolini e Dino Buzzati.

Attraverso quasi 500 prime pagine della maggiore testata d’informazione italiana, ?questo volume ripercorre i grandi eventi della storia d’Italia e del mondo, dalla fine dell’Ottocento al Fascismo, dal dopoguerra ?al crollo del muro di Berlino, fino ai momenti fondanti della complessa realtà di oggi. Gli avvenimenti più importanti si scolpiscono nella memoria attraverso un’ampia scelta ?di prime pagine “storiche”. Un repertorio ?unico che off

Fondato a Milano nel marzo del 1876 ?da Eugenio Torelli Viollier, composto da sole quattro pagine, con sede in Galleria Vittorio Emanuele, il Corriere della Sera da subito vuole offrire un’informazione il più possibile estranea ai condizionamenti ideologici e dei partiti politici. Fedele ai valori migliori del Risorgimento, visto come espressione del liberalismo democratico ?e parlamentare, il quotidiano – che dal 1904 in poi si trasferisce nella storica sede di via Solferino 28 – unisce la puntuale attenzione ?alle notizie riguardanti tutti gli ambiti della vita collettiva e la capacità di formare un’opinione pubblica consapevole. Una linea esaltata dalle doti giornalistiche e organizzative di grandi direttori che si sono succeduti – a partire da ?Luigi Albertini – che, nei primi venticinque anni del Novecento, porta il giornale al livello della grande stampa internazionale. Nel corso della sua storia, sulle pagine ?del quotidiano scrivono molte delle migliori ?firme della cultura italiana e i più grandi giornalisti del Novecento, fra i quali Indro Montanelli, Gaetano Afeltra, Guido Piovene, Enzo Biagi, Giovanni Spadolini e Dino Buzzati.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: VARIA – ILLUSTRATI
    • Prezzo: 40.00 €
    • Pagine: 568
    • Formato libro: 33 x 23
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817069984
    • Curatore: Angelo

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...