La Seconda Dora

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Non si sa quanti furono, non esistono cifre ufficiali, ma molti ebrei italiani per sfuggire alle leggi razziali del 1938 ricorsero alla conversione. Battesimi come salvacondotti verso nuove identità: un altro dio, una via d'uscita, uno strappo nella persecuzione.

"Per rimanere asciutti nel corso dei nubifragi, è indispensabile spostarsi e battere le dannate gocce in velocità."

Scuole elementari, materne, nidi. Nonostante siano quasi tutti uomini i grandi pedagoghi, i maestri famosi, è delle donne, da donne come Dora, che siamo stati istruiti, cresciuti, avviati.

Nitido, inatteso e a tratti scolpito, il nuovo romanzo di Silvia Ballestra è il racconto di una vicenda d'amore nell'epoca oscura delle dittature e delle persecuzioni razziali in Europa, ma anche la storia di una donna, Dora Levi, che a sedici anni è costretta ad abbandonare la religione ebraica per professare quella cristiana. Divenendo in certo modo una persona nuova, una credente nuova, che pur restando per molto tempo una "cristiana della domenica", deciderà infine d'impegnarsi ? ormai anziana e maestra in pensione ? nell'insegnamento della religione cattolica ai fanciulli. Eppure Dora continuerà a pregare il padre ebreo e fervente nazionalista, scomparso nel 1944, volgendosi spiritualmente a Israele, secondo la religione ebraica in cui era stata immersa fino all'adolescenza. Che sia sintomo di incoerenza? Una volta il controverso filosofo tedesco Heidegger, ormai vecchio, a un amico che si stupiva di vederlo prendere dell'acquasanta e genuflettersi di fronte a chiese e cappelle, dato che in gioventù si era allontanato dai dogmi della Chiesa, rispose che occorreva pensare storicamente, e che dove si era pregato tanto, il divino era vicino in modo del tutto particolare. Ma a parte questo, seguendo le vicende di Dora fino ai bei capitoli conclusivi, il lettore giungerà in vista d'una limpida serie di accenni ai modi e al mondo in cui all'ex maestra Levi toccherà di condurre a compimento la propria esistenza. Sempre le era rimasto, in fondo al modo d'essere insegnante, un semplice ammaestramento che non aveva appreso dalla madre angloitaliana Chiara Hemerett ma da una vecchia insegnante di latino, "e questo ammaestramento era contenuto nell'etimologia della parole educare: educare, amava ripetere Dora, significava ex ducere, e cioè portar fuori. Non, imporre, o travasare, o condurre sulla retta via, ma proprio portar fuori". Ossia aiutare a realizzarsi, a pensare, a criticare. Ad aprirsi verso il mondo usando, ciascun fanciullo destinato a divenire adulto, tutte le sue facoltà.

Non si sa quanti furono, non esistono cifre ufficiali, ma molti ebrei italiani per sfuggire alle leggi razziali del 1938 ricorsero alla conversione. Battesimi come salvacondotti verso nuove identità: un altro dio, una via d'uscita, uno strappo nella persecuzione.

"Per rimanere asciutti nel corso dei nubifragi, è indispensabile spostarsi e battere le dannate gocce in velocità."

Scuole elementari, materne, nidi. Nonostante siano quasi tutti uomini i grandi pedagoghi, i maestri famosi, è delle donne, da donne come Dora, che siamo stati istruiti, cresciuti, avviati.

Nitido, inatteso e a tratti scolpito, il nuovo romanzo di Silvia Ballestra è il racconto di una vicenda d'amore nell'epoca oscura delle dittature e delle persecuzioni razziali in Europa, ma anche la storia di una donna, Dora Levi, che a sedici anni è costretta ad abbandonare la religione ebraica per professare quella cristiana. Divenendo in certo modo una persona nuova, una credente nuova, che pur restando per molto tempo una "cristiana della domenica", deciderà infine d'impegnarsi ? ormai anziana e maestra in pensione ? nell'insegnamento della religione cattolica ai fanciulli. Eppure Dora continuerà a pregare il padre ebreo e fervente nazionalista, scomparso nel 1944, volgendosi spiritualmente a Israele, secondo la religione ebraica in cui era stata immersa fino all'adolescenza. Che sia sintomo di incoerenza? Una volta il controverso filosofo tedesco Heidegger, ormai vecchio, a un amico che si stupiva di vederlo prendere dell'acquasanta e genuflettersi di fronte a chiese e cappelle, dato che in gioventù si era allontanato dai dogmi della Chiesa, rispose che occorreva pensare storicamente, e che dove si era pregato tanto, il divino era vicino in modo del tutto particolare. Ma a parte questo, seguendo le vicende di Dora fino ai bei capitoli conclusivi, il lettore giungerà in vista d'una limpida serie di accenni ai modi e al mondo in cui all'ex maestra Levi toccherà di condurre a compimento la propria esistenza. Sempre le era rimasto, in fondo al modo d'essere insegnante, un semplice ammaestramento che non aveva appreso dalla madre angloitaliana Chiara Hemerett ma da una vecchia insegnante di latino, "e questo ammaestramento era contenuto nell'etimologia della parole educare: educare, amava ripetere Dora, significava ex ducere, e cioè portar fuori. Non, imporre, o travasare, o condurre sulla retta via, ma proprio portar fuori". Ossia aiutare a realizzarsi, a pensare, a criticare. Ad aprirsi verso il mondo usando, ciascun fanciullo destinato a divenire adulto, tutte le sue facoltà.

Commenti

Autore


  • Silvia Ballestra

    SILVIA BALLESTRA è nata nelle Marche. Il suo libro d’esordio, Compleanno dell’iguana, è un longseller tradotto in molti Paesi europei. Il successivo, La guerra degli Antò, è diventato un film [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Prezzo: 14.50 €
    • Pagine: 192
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817007283

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...