Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

La Mia cucina Pop

Davide Oldani

Rizzoli
Copertina di: La Mia cucina Pop

Sono talmente pop-olano che la mia “ultima cena” mi piacerebbe fosse così composta: un enorme mastello di gelato alle creme, prima fra tutte la stracciatella.

Marchesi ci guardò lavorare in cucina: “Questi ragazzi sono come le spugne, assorbono, assorbono e un giorno cominceranno a rilasciare”. Quel giorno è arrivato.

“Sperimentare in cucina, creando il proprio meglio e rendendolo accessibile a tutti… Allora è possibile. Oldani è qui per dimostrarlo. Avanti così!” è quanto ha detto di me Luciano Ligabue.

Brillante innovatore dell’alta cucina e strenuo difensore della semplicità e della tradizione: così si può definire la figura di Davide Oldani. La sua storia, il suo gusto, il suo credo è tutto racchiuso in questo libro: come e perché Oldani è diventato Oldani, quali segreti celano le porte della sua cucina al D’O, chi sono i protagonisti della sua formidabile squadra di lavoro e, soprattutto, quali sono le ricette di questo chef originale.
Partito dalla Milano di Gualtiero Marchesi, Oldani è entrato nelle capitali mondiali dell’alta cucina e dopo anni trascorsi ad assorbire, osservare e studiare, è tornato da dove è venuto e ha aperto una “trattoria”, il D’O. Non un ristorante di lusso e pretenzioso, bensì un locale semplice dove lo chef accoglie chiunque voglia imbarcarsi nella sua avventura “pop”. Come spiega lui stesso, “pop” sta per popolare, del popolo, e dunque del cibo legato alla tradizione locale, delle materie prime “povere”, sì, ma lavorate con tecnica eccelsa e grande sapienza.
In questo libro Oldani racconta la sua filosofia, il suo concetto di cultura gastronomica e di rispetto della stagionalità dei prodotti e, soprattutto, racconta la passione per la scoperta che l’ha fatto diventare anche designer di posate e utensili di cucina. Un percorso di vita ricco e appassionante, che si conclude con le ricette che lo hanno reso famoso nel mondo.

Libri Correlati

vedi tutti