La Mia canzone sei tu

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Arthur Phillips ha immaginato
l’iPod 15 anni prima della Apple:
si chiamava Memory Machine,
era grande quanto uno stereo e
conteneva circa 600 cd.

“Se gli scrittori fossero animali,
Phillips sarebbe un delfino: la sua
scrittura è intelligente, vivace, piena di
inventiva.”
The NYT Book Review

In questo romanzo sono citate
canzoni di almeno 102 artisti,
tra cui Suzanne Vega, David Bowie,
i Cranberries.

 

 

Se c’è una cosa che non è mai mancata nella vita di Julian Donahue, regista pubblicitario di successo, è la musica. Gli è sempre bastato schiacciare un tasto, play, per allontanare le ombre e i malumori e ritrovare di colpo il desiderio, l’energia sottile e potente che fa girare gli ingranaggi del cuore e del mondo. Ma ora che il suo bambino non c’è più e anche il suo matrimonio è finito, Julian non è più lo stesso. Nulla riesce a scuoterlo, niente lo emoziona. E anche le note inattese e struggenti che il suo iPod in modalità shuffle va a pescare chissà dove finiscono per riportarlo sempre, dolorosamente, al passato. Fino a quando, in un piccolo locale di Brooklyn, nel mezzo di una notte di neve, la passione in lui si riaccende di colpo. Il miracolo si chiama Cait O’Dwyer, stella nascente del pop, ventidue anni, capelli rosso rame e una voce che dà i brividi. La storia d’amore tenera e tormentata che sboccia tra i due è fatta di musica e di parole, di coincidenze impossibili, di incontri sfiorati e di messaggi destinati a perdersi prima di arrivare a destinazione. E mentre lui e Cait si sfuggono e si seducono, scrivendo a quattro mani la nuova colonna sonora della loro vita, Julian ritrova il “desiderio del desiderio”, e la voglia di ricominciare. Con La mia canzone sei tu Arthur Phillips mette in scena un passo a due dolcissimo e viscerale, la storia di un amore al tempo dell’iPod.

Arthur Phillips ha immaginato
l’iPod 15 anni prima della Apple:
si chiamava Memory Machine,
era grande quanto uno stereo e
conteneva circa 600 cd.

“Se gli scrittori fossero animali,
Phillips sarebbe un delfino: la sua
scrittura è intelligente, vivace, piena di
inventiva.”
The NYT Book Review

In questo romanzo sono citate
canzoni di almeno 102 artisti,
tra cui Suzanne Vega, David Bowie,
i Cranberries.

 

 

Se c’è una cosa che non è mai mancata nella vita di Julian Donahue, regista pubblicitario di successo, è la musica. Gli è sempre bastato schiacciare un tasto, play, per allontanare le ombre e i malumori e ritrovare di colpo il desiderio, l’energia sottile e potente che fa girare gli ingranaggi del cuore e del mondo. Ma ora che il suo bambino non c’è più e anche il suo matrimonio è finito, Julian non è più lo stesso. Nulla riesce a scuoterlo, niente lo emoziona. E anche le note inattese e struggenti che il suo iPod in modalità shuffle va a pescare chissà dove finiscono per riportarlo sempre, dolorosamente, al passato. Fino a quando, in un piccolo locale di Brooklyn, nel mezzo di una notte di neve, la passione in lui si riaccende di colpo. Il miracolo si chiama Cait O’Dwyer, stella nascente del pop, ventidue anni, capelli rosso rame e una voce che dà i brividi. La storia d’amore tenera e tormentata che sboccia tra i due è fatta di musica e di parole, di coincidenze impossibili, di incontri sfiorati e di messaggi destinati a perdersi prima di arrivare a destinazione. E mentre lui e Cait si sfuggono e si seducono, scrivendo a quattro mani la nuova colonna sonora della loro vita, Julian ritrova il “desiderio del desiderio”, e la voglia di ricominciare. Con La mia canzone sei tu Arthur Phillips mette in scena un passo a due dolcissimo e viscerale, la storia di un amore al tempo dell’iPod.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Prezzo: 18.00 €
    • Pagine: 280
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817039475

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...