La logica dell’amore

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


“La parola ‘logica’ ricorre di frequente nei discorsi di Papa Francesco” scrive padre Antonio Spadaro nella prefazione ma “non ha nulla a che fare con l’astrazione: per lui è la visione della realtà, la percezione viva, sensibile dei significati della vita.” È la logica di Dio che illumina anche il cammino delle quattordici stazioni della via crucis: una strada dolorosa segnata dalla sofferenza e dal fallimento, dall’umiliazione e dalla solitudine. Eppure Dio ci ha insegnato che la croce non contiene una logica di dolore e di morte bensì d’amore e di speranza: è lo “spazio in cui si rivela la misericordia di Dio”. Un amore che, se lo accettiamo, ci chiama a lasciare le comodità dello status quo, compresa una fede “comoda”, per andare nelle “periferie” del mondo e rispondere in prima persona al grido dei nostri fratelli bisognosi, al grido per la pace e la giustizia, al grido dei disperati. Un amore, soprattutto, che non si ferma davanti alla pietra del sepolcro, ovvero alle tante difficoltà a cui la vita di ogni giorno ci sottopone, ma va oltre, aprendosi alla speranza. Dietro la pietra non c’è morte: la croce non è la fine ma l’inizio di un nuovo cammino che si apre con la risurrezione, una vita nuova a cui il Signore non si stanca di invitare ognuno di noi. Un cammino che sarà autentico solo se conoscerà lo stupore che scuote il tutto nostro essere quando accoglie il Signore, quando sceglie di non avere paura di seguirlo nell’amore.

“La parola ‘logica’ ricorre di frequente nei discorsi di Papa Francesco” scrive padre Antonio Spadaro nella prefazione ma “non ha nulla a che fare con l’astrazione: per lui è la visione della realtà, la percezione viva, sensibile dei significati della vita.” È la logica di Dio che illumina anche il cammino delle quattordici stazioni della via crucis: una strada dolorosa segnata dalla sofferenza e dal fallimento, dall’umiliazione e dalla solitudine. Eppure Dio ci ha insegnato che la croce non contiene una logica di dolore e di morte bensì d’amore e di speranza: è lo “spazio in cui si rivela la misericordia di Dio”. Un amore che, se lo accettiamo, ci chiama a lasciare le comodità dello status quo, compresa una fede “comoda”, per andare nelle “periferie” del mondo e rispondere in prima persona al grido dei nostri fratelli bisognosi, al grido per la pace e la giustizia, al grido dei disperati. Un amore, soprattutto, che non si ferma davanti alla pietra del sepolcro, ovvero alle tante difficoltà a cui la vita di ogni giorno ci sottopone, ma va oltre, aprendosi alla speranza. Dietro la pietra non c’è morte: la croce non è la fine ma l’inizio di un nuovo cammino che si apre con la risurrezione, una vita nuova a cui il Signore non si stanca di invitare ognuno di noi. Un cammino che sarà autentico solo se conoscerà lo stupore che scuote il tutto nostro essere quando accoglie il Signore, quando sceglie di non avere paura di seguirlo nell’amore.

Commenti

Autore


  • autore_img
    Papa Francesco

    JORGE MARIO BERGOGLIO è nato a Buenos Aires il 17 dicembre 1936, figlio di un ferroviere piemontese. Perito chimico, nel 1958 è entrato come novizio nella Compagnia di Gesù. Laure [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 10.00 €
    • Pagine: 160
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817081894
    • ISBN E-book: 9788858632680

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...