L’ Umorismo di Giovannino

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Nel 1936 Guareschi arriva a Milano, una città moderna dove s’innalzano palazzoni, si asfaltano strade e le riviste di cinema e moda fanno sognare segretarie e sartine. Mentre si consolida il potere fascista, le riviste satiriche come “Bertoldo”, dove lavora Giovannino, fanno tirature da capogiro. I tre romanzi raccolti in questo terzo volume delle opere di Guareschi nascono tra la fine degli anni Trenta e i primi anni della seconda Guerra Mondiale. La scoperta di Milano esce nel 1941, è la testimonianza autobiografica, ingenua e sognante, divertita e malinconica, di quegli anni di scoperte. In questi racconti usciti sul “Bertoldo”, Giovannino narra le sue passeggiate a Milano, tra la stazione e la Galleria, dove osserva le vedovone milanesi sedute ai tavolini dei caffè. Tra elementi surrealisti e atmosfere da clown lunare, tra angeli custodi e la guerra che incombe come una minaccia, Guareschi narra la sua storia di umorista legando la tradizione della novellistica italiana ad aperture moderne, come il finale da cartone animato. Il destino si chiama Clotilde è un capolavoro della narrativa umoristica del Novecento. Nato anch’esso sulle pagine del “Bertoldo”, uscito riscritto in volume nel 1942, ha come protagonista la bellissima “ricca, eccentrica” Clotilde. Come Pippi Calzelunghe, Clotilde irrompe nella nostra narrativa con tutta la sua carica stravagante. A cinque anni per protesta vuole una mucca con lei sul tetto. A dieci parla come un uomo dei bassifondi, in un romanesco di borgata. Infine fa rapire Filimario Dublè, l’unico uomo non innamorato di lei, per cui ha perso la testa. Il libro è una parodia dei romanzi d’appendice e le pagine della digressione latino-americana sono tra le più divertenti di Guareschi. Il marito in collegio nasce tra il 1942 e il 1943 come feuilleton sull’“Illustrazione del popolo”. Giovannino è solo, con Ennia e Albertino sfollati a Marore, con l’ulcera che lo perseguita dopo l’arresto dei fascisti. Il libro replica il tema della pochade e della farsa della donna contesa da tre uomini. Questa volta però è Carlotta Wonder a cercare un marito per non perdere l’eredità dello zio. La sposa Camillo, che verrà chiuso in collegio per imparare le buone maniere. Ma la cugina Robinia s’innamora di lui e lo circuisce, suscitando così un sentimento di gelosia in Carlotta, che s’innamorerà davvero del marito. Nell’agosto 1944, ormai prigioniero nel lager, Guareschi riceve una copia de La scoperta di Milano, che lo lascerà del tutto indifferente. Per mancanza di carta e sigarette, Guareschi e compagni fumeranno il libro. Finisce un’epoca, se ne va in fumo un modo di scrivere. Nel lager Guareschi capirà che per un’Italia migliore bisognerà occuparsi direttamente di politica. Guido Conti

Nel 1936 Guareschi arriva a Milano, una città moderna dove s’innalzano palazzoni, si asfaltano strade e le riviste di cinema e moda fanno sognare segretarie e sartine. Mentre si consolida il potere fascista, le riviste satiriche come “Bertoldo”, dove lavora Giovannino, fanno tirature da capogiro. I tre romanzi raccolti in questo terzo volume delle opere di Guareschi nascono tra la fine degli anni Trenta e i primi anni della seconda Guerra Mondiale. La scoperta di Milano esce nel 1941, è la testimonianza autobiografica, ingenua e sognante, divertita e malinconica, di quegli anni di scoperte. In questi racconti usciti sul “Bertoldo”, Giovannino narra le sue passeggiate a Milano, tra la stazione e la Galleria, dove osserva le vedovone milanesi sedute ai tavolini dei caffè. Tra elementi surrealisti e atmosfere da clown lunare, tra angeli custodi e la guerra che incombe come una minaccia, Guareschi narra la sua storia di umorista legando la tradizione della novellistica italiana ad aperture moderne, come il finale da cartone animato. Il destino si chiama Clotilde è un capolavoro della narrativa umoristica del Novecento. Nato anch’esso sulle pagine del “Bertoldo”, uscito riscritto in volume nel 1942, ha come protagonista la bellissima “ricca, eccentrica” Clotilde. Come Pippi Calzelunghe, Clotilde irrompe nella nostra narrativa con tutta la sua carica stravagante. A cinque anni per protesta vuole una mucca con lei sul tetto. A dieci parla come un uomo dei bassifondi, in un romanesco di borgata. Infine fa rapire Filimario Dublè, l’unico uomo non innamorato di lei, per cui ha perso la testa. Il libro è una parodia dei romanzi d’appendice e le pagine della digressione latino-americana sono tra le più divertenti di Guareschi. Il marito in collegio nasce tra il 1942 e il 1943 come feuilleton sull’“Illustrazione del popolo”. Giovannino è solo, con Ennia e Albertino sfollati a Marore, con l’ulcera che lo perseguita dopo l’arresto dei fascisti. Il libro replica il tema della pochade e della farsa della donna contesa da tre uomini. Questa volta però è Carlotta Wonder a cercare un marito per non perdere l’eredità dello zio. La sposa Camillo, che verrà chiuso in collegio per imparare le buone maniere. Ma la cugina Robinia s’innamora di lui e lo circuisce, suscitando così un sentimento di gelosia in Carlotta, che s’innamorerà davvero del marito. Nell’agosto 1944, ormai prigioniero nel lager, Guareschi riceve una copia de La scoperta di Milano, che lo lascerà del tutto indifferente. Per mancanza di carta e sigarette, Guareschi e compagni fumeranno il libro. Finisce un’epoca, se ne va in fumo un modo di scrivere. Nel lager Guareschi capirà che per un’Italia migliore bisognerà occuparsi direttamente di politica. Guido Conti

Commenti

Autore


  • Giovannino Guareschi

    Giovannino Guareschi nacque a Fontanelle di Roccabianca (Parma) il 1° maggio 1908 e morì a Cervia nel 1968. Giornalista, scrittore, umorista, fondò, insieme a Giovanni Mosca e Giaci Mondaini, il ce [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Genere e argomento: Umorismo
    • Prezzo: 35.00 €
    • Pagine: 738
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817064378

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...