L’ Idea di perderti

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


"Io vi ho amato, nessuno vi ha amato più di me".
Sono queste le parole di Edipo che alla fine del libro viene citato con misteriosa intenzione. Poi Edipo si protegge gli occhi con le mani da non sappiamo cosa, forse una paurosa apparizione. Paolo Diamanti, il protagonista di questo romanzo, non è però Edipo, attorno a lui non ci sono messaggeri o mezzi angeli, ma la realtà più prosaica di viale Parioli e dei suoi ristoranti. Quella Roma che da anni Montefoschi perfeziona nella sua opera come un pittore con un quadro che non riesce, non vuole terminare. A Paolo Diamanti manca poi quel puro carattere che Edipo esibisce ? figuriamoci ? un po' annoiato dalla moglie, mezzo innamorato di una oculista trentottenne. Paolo finisce addirittura nell'imbarazzante situazione di dichiararsi e non accorgersi che la moglie, a due metri di distanza, sta ascoltando ogni singola parola. Ma tutto ciò ? le storie d'amore, i tessuti che Roma incessantemente fabbrica attorno agli uomini e alle donne di questo libro ? sono oggetto di una lettura appassionata ma non sufficiente. Il lettore attento si lascia invece portare dentro la struttura circolare e sofisticata del libro, un vero e proprio teorema, e alla fine deve per forza dichiarare con chi sta (con Paolo o contro Paolo). E qualunque sia la nostra scelta alla fine non sfuggirà l'autorità antica con cui Giorgio Montefoschi ha vestito i personaggi della sua storia. Così moderna, sì, così disincantata (sensuale, erotica, sfacciata, sì) ma che ci costringe a chiamare i characters non con i loro nomi e cognomi, ma con la grammatica di un racconto morale: l'Architetto, la Moglie, il Pittore, l'Oculista, l'Amante, l'Amica. Poi, chi vorrà, potrà leggere soltanto che l'Architetto trascura la Moglie, che la Oculista ha una relazione con il Pittore, che l'Architetto abbandona l'Amante, che l'Amica cerca la Moglie. La percezione soggettiva è un'illusione che lo scrittore sa generare. Se è bravo.

"Io vi ho amato, nessuno vi ha amato più di me".
Sono queste le parole di Edipo che alla fine del libro viene citato con misteriosa intenzione. Poi Edipo si protegge gli occhi con le mani da non sappiamo cosa, forse una paurosa apparizione. Paolo Diamanti, il protagonista di questo romanzo, non è però Edipo, attorno a lui non ci sono messaggeri o mezzi angeli, ma la realtà più prosaica di viale Parioli e dei suoi ristoranti. Quella Roma che da anni Montefoschi perfeziona nella sua opera come un pittore con un quadro che non riesce, non vuole terminare. A Paolo Diamanti manca poi quel puro carattere che Edipo esibisce ? figuriamoci ? un po' annoiato dalla moglie, mezzo innamorato di una oculista trentottenne. Paolo finisce addirittura nell'imbarazzante situazione di dichiararsi e non accorgersi che la moglie, a due metri di distanza, sta ascoltando ogni singola parola. Ma tutto ciò ? le storie d'amore, i tessuti che Roma incessantemente fabbrica attorno agli uomini e alle donne di questo libro ? sono oggetto di una lettura appassionata ma non sufficiente. Il lettore attento si lascia invece portare dentro la struttura circolare e sofisticata del libro, un vero e proprio teorema, e alla fine deve per forza dichiarare con chi sta (con Paolo o contro Paolo). E qualunque sia la nostra scelta alla fine non sfuggirà l'autorità antica con cui Giorgio Montefoschi ha vestito i personaggi della sua storia. Così moderna, sì, così disincantata (sensuale, erotica, sfacciata, sì) ma che ci costringe a chiamare i characters non con i loro nomi e cognomi, ma con la grammatica di un racconto morale: l'Architetto, la Moglie, il Pittore, l'Oculista, l'Amante, l'Amica. Poi, chi vorrà, potrà leggere soltanto che l'Architetto trascura la Moglie, che la Oculista ha una relazione con il Pittore, che l'Architetto abbandona l'Amante, che l'Amica cerca la Moglie. La percezione soggettiva è un'illusione che lo scrittore sa generare. Se è bravo.

Commenti

Autore


  • autore_img
    Giorgio Montefoschi

    (1946) è autore di sedici romanzi. Tra i suoi libri ricordiamo: La casa del padre (Bompiani, 1994, Premio Strega), Il segreto dell’estrema felicità (2001), La sposa (2003), Lo sguardo del cacciato [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: LA SCALA
    • Prezzo: 17.50 €
    • Pagine: 414
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817010528

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...