L’ economia che uccide

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...

,

Perché in Italia, come in Grecia, Spagna e Portogallo, è aumentato esponenzialmente il numero di suicidi, disturbi psicosomatici e malattie mentali mentre Nord Europa, Canada e Giappone sono usciti dalla crisi più felici e in salute che mai? E com’è possibile che tra il 2009 e il 2011, nonostante la contrazione storica del mercato immobiliare, negli Stati Uniti sia addirittura diminuito il numero dei senzatetto? In Inghilterra, in quegli stessi anni, il numero è aumentato del trenta per cento... Come dimostrano David Stuckler e Sanjay Basu in questo libro autorevole e appassionato, denso di storie di cronaca e di esempi del passato per molti aspetti stupefacenti, gli effetti delle recessioni sulla nostra salute sono devastanti sempre, ma lo sono soprattutto se governi, amministrazioni e politiche sanitarie non sono in grado di contenerli. È stato così all’indomani della crisi americana del ’29, per esempio, quando i Paesi che aderirono ai programmi del New Deal per il sostentamento alimentare e la prevenzione sanitaria subirono una perdita in vite umane molto minore rispetto ai Paesi che non lo fecero. Ma ancora oggi, spiegano gli autori, “il più affidabile fattore predittivo dell’aspettativa di vita di una persona è il suo codice postale.” C’è una certa ironia nell’affermare che la politica di austerità ottiene l’effetto opposto a quello che si prefigge: eppure, dati alla mano, sembra sempre più difficile sostenere il contrario. L’alternativa però esiste, e cambiare rotta non è più solo un’opzione. È una mossa obbligata.

Perché in Italia, come in Grecia, Spagna e Portogallo, è aumentato esponenzialmente il numero di suicidi, disturbi psicosomatici e malattie mentali mentre Nord Europa, Canada e Giappone sono usciti dalla crisi più felici e in salute che mai? E com’è possibile che tra il 2009 e il 2011, nonostante la contrazione storica del mercato immobiliare, negli Stati Uniti sia addirittura diminuito il numero dei senzatetto? In Inghilterra, in quegli stessi anni, il numero è aumentato del trenta per cento... Come dimostrano David Stuckler e Sanjay Basu in questo libro autorevole e appassionato, denso di storie di cronaca e di esempi del passato per molti aspetti stupefacenti, gli effetti delle recessioni sulla nostra salute sono devastanti sempre, ma lo sono soprattutto se governi, amministrazioni e politiche sanitarie non sono in grado di contenerli. È stato così all’indomani della crisi americana del ’29, per esempio, quando i Paesi che aderirono ai programmi del New Deal per il sostentamento alimentare e la prevenzione sanitaria subirono una perdita in vite umane molto minore rispetto ai Paesi che non lo fecero. Ma ancora oggi, spiegano gli autori, “il più affidabile fattore predittivo dell’aspettativa di vita di una persona è il suo codice postale.” C’è una certa ironia nell’affermare che la politica di austerità ottiene l’effetto opposto a quello che si prefigge: eppure, dati alla mano, sembra sempre più difficile sostenere il contrario. L’alternativa però esiste, e cambiare rotta non è più solo un’opzione. È una mossa obbligata.

Commenti

Autori (2)


  • Sanjay Basu

    Sanjay Basu è professore di medicina ed epidemiologo all’università di Stanford.

  • David Stuckler

    David Stuckler è un economista specializzato in salute pubblica e insegna sociologia all’università di Oxford.


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Genere e argomento: Economia
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 19.00 €
    • Pagine: 324
    • Formato libro: 21 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817065924
    • ISBN E-book: 9788858652763

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...