L’ Assedio. Costantinopoli 1453

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


1453: da più di mille anni le mura di Costantinopoli proteggono la capitale del glorioso impero romano d’Oriente, ultimo avamposto del la Cristianità. Ma le armate turche hanno circondato la città, i loro poderosi cannoni sono puntati contro i bastioni, e nessuno verrà in aiuto degli assediati: l’ultimo esercito crociato è stato distrutto nella pianura del Kosovo. Mentre si prepara la battaglia finale, tre figure cercano di imprimere il proprio sigillo sugli eventi: il giovane sultano Maometto, appena tornato dall’esilio e voglioso di dimostrare la sua grandezza; l’orgogliosa principessa bizantina Sofia, estremo baluardo della gloria passata; il coraggioso diplomatico e generale italiano Giovanni Longo, che ha anche ragioni molto personali per combattere fino alla morte. Dalla loro sfida, in un crescendo di complotti, doppi giochi e tradimenti tra gli assalitori turchi e nella corte imperiale, dipenderà il destino di un mondo, e una delle grandi svolte nella storia dell ’umanità.

“Longo giaceva immobile sotto i corpi di due soldati morti. Aspettava che passassero le ultime truppe turche. Dopo aver sbaragliato la crociata cristiana, ora il nemico camminava intorno a lui sul campo, affondando gli stivali nella terra inzuppata di sangue.
Alla fine calò il silenzio, interrotto soltanto dai gridi striduli dei corvi. Uno si posò su un cadavere vicino a Longo e si mise a becchettare la carne tenera del viso.
Si alzò indolenzito, diede un calcio al corvo che volò via gracchiando, poi sfoderò la spada, una lunga lama sottile di acciaio grigio scuro. La battaglia non era finita e il cavaliere, tra i gemiti dei feriti, iniziava ora a combattere.”

AVVENTURE, AMORI E TUTTO IL SANGUE DELLA STORIA.

1453: da più di mille anni le mura di Costantinopoli proteggono la capitale del glorioso impero romano d’Oriente, ultimo avamposto del la Cristianità. Ma le armate turche hanno circondato la città, i loro poderosi cannoni sono puntati contro i bastioni, e nessuno verrà in aiuto degli assediati: l’ultimo esercito crociato è stato distrutto nella pianura del Kosovo. Mentre si prepara la battaglia finale, tre figure cercano di imprimere il proprio sigillo sugli eventi: il giovane sultano Maometto, appena tornato dall’esilio e voglioso di dimostrare la sua grandezza; l’orgogliosa principessa bizantina Sofia, estremo baluardo della gloria passata; il coraggioso diplomatico e generale italiano Giovanni Longo, che ha anche ragioni molto personali per combattere fino alla morte. Dalla loro sfida, in un crescendo di complotti, doppi giochi e tradimenti tra gli assalitori turchi e nella corte imperiale, dipenderà il destino di un mondo, e una delle grandi svolte nella storia dell ’umanità.

“Longo giaceva immobile sotto i corpi di due soldati morti. Aspettava che passassero le ultime truppe turche. Dopo aver sbaragliato la crociata cristiana, ora il nemico camminava intorno a lui sul campo, affondando gli stivali nella terra inzuppata di sangue.
Alla fine calò il silenzio, interrotto soltanto dai gridi striduli dei corvi. Uno si posò su un cadavere vicino a Longo e si mise a becchettare la carne tenera del viso.
Si alzò indolenzito, diede un calcio al corvo che volò via gracchiando, poi sfoderò la spada, una lunga lama sottile di acciaio grigio scuro. La battaglia non era finita e il cavaliere, tra i gemiti dei feriti, iniziava ora a combattere.”

AVVENTURE, AMORI E TUTTO IL SANGUE DELLA STORIA.

Commenti

Autore


  • Jack Hight

    Jack Hight, americano, ha studiato a Harvard e a Chicago e vive a Washington, dove sta terminando il suo dottorato in storia medievale. Questo è il suo primo romanzo.


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Prezzo: 3.90 €
    • Pagine: 400
    • Formato libro: 24 x 16
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817043984
    • ISBN E-book: 9788858613115

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...