L’anima della tecnica

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


La nuova rivoluzione delle "macchine invisibili": un grande scienziato esamina il rapporto tra l'uomo e la tecnologia dall'antichità ad oggi. "Che ne è stato dei vecchi cari robot dalle fattezze umane che avrebbero dovuto servirci il pranzo con i loro movimenti impacciati e il procedere traballante?" on sono mai spariti, ci dice Edoardo Boncinelli, e hanno molto da insegnarci anche ora che assistiamo alla rivoluzione delle nanotecnologie. Le macchine non sono più fuori di noi ma parte di noi, hanno cambiato il nostro modo di vivere, hanno potenziato ed esteso le nostre facoltà mentali permettendoci di raggiungere risultati un tempo impensabili. Sono "macchine invisibili", scandagliano il nostro organismo alla ricerca di imperfezioni e malattie, e costituiscono uno dei "primi esempi di tecnica quasi interamente figlia della scienza", in cui naturale e artificiale si avvicinano sempre di più. A cavallo di un ippogrifo, creatura fantastica che incarna la straordinaria e spiazzante umanità dei marchingegni di cui ci circondiamo, Boncinelli ripercorre la storia de rapporto tra l'uomo e la tecnica svelandoci il legame profondo tra l'invenzione e il miracolo ingegneristico alla base del nostro corpo. E ci ricorda che l'unica alternativa possibile all'uso delle macchine è quella di ritirarsi in se stessi e limitarsi a contemplare il mondo, rinunciando ai propri sogni e alle proprie aspirazioni per un futuro migliore.

La nuova rivoluzione delle "macchine invisibili": un grande scienziato esamina il rapporto tra l'uomo e la tecnologia dall'antichità ad oggi. "Che ne è stato dei vecchi cari robot dalle fattezze umane che avrebbero dovuto servirci il pranzo con i loro movimenti impacciati e il procedere traballante?" on sono mai spariti, ci dice Edoardo Boncinelli, e hanno molto da insegnarci anche ora che assistiamo alla rivoluzione delle nanotecnologie. Le macchine non sono più fuori di noi ma parte di noi, hanno cambiato il nostro modo di vivere, hanno potenziato ed esteso le nostre facoltà mentali permettendoci di raggiungere risultati un tempo impensabili. Sono "macchine invisibili", scandagliano il nostro organismo alla ricerca di imperfezioni e malattie, e costituiscono uno dei "primi esempi di tecnica quasi interamente figlia della scienza", in cui naturale e artificiale si avvicinano sempre di più. A cavallo di un ippogrifo, creatura fantastica che incarna la straordinaria e spiazzante umanità dei marchingegni di cui ci circondiamo, Boncinelli ripercorre la storia de rapporto tra l'uomo e la tecnica svelandoci il legame profondo tra l'invenzione e il miracolo ingegneristico alla base del nostro corpo. E ci ricorda che l'unica alternativa possibile all'uso delle macchine è quella di ritirarsi in se stessi e limitarsi a contemplare il mondo, rinunciando ai propri sogni e alle proprie aspirazioni per un futuro migliore.

Commenti

Autore


  • autore_img
    Edoardo Boncinelli

    è il più importante genetista italiano e insegna alla facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Ha guidato per anni laboratori di ricerca in biologia molecolare de [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 10.00 €
    • Pagine: 176
    • Formato libro: 17 x 12
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817009027

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...