Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Io sono quello senza barba

Antonino Formicola

Rizzoli

Zuzzurro e Gaspare. Autobiografia di una strana coppia

«Un bel ricordo da portarvi nel cuore non ve lo posso dare… Già la cosa mi fa venire il diabete perché è troppo mielosa. Però se c’è qualcosa che potete conservare per sempre sono le nostre risate, anche perché da adesso in poi resta la storia, restano gli sketch, ma io sarò soltanto Nino Formicola. Perché Gaspare non esiste senza Zuzzurro.»

Milano, 1976. Nel seminterrato del mitico Derby Club – fucina di talenti che ha visto esordire Giorgio Faletti, Teo Teocoli, Massimo Boldi e tanti altri – due giovani comici si guardano da lontano, si studiano, intuiscono rapidamente una cosa molto precisa: diversi in tutto, sono affini per umorismo e gusto della vita. Da lì a cominciare la collaborazione artistica è un attimo, e in poco tempo nasceranno gli immortali personaggi dello stralunato commissario Zuzzurro e del suo assistente carogna Gaspare. Soci, amici e anche cognati per un pezzo, Nino e Andrea hanno attraversato insieme tre decenni di spettacolo: sono stati a lezione di comicità da Gianfranco Funari, hanno animato estati ruggenti tra Forte dei Marmi e la Sardegna, hanno visto Berlusconi (allora “solo” Sua Emittenza) rimproverare Liedholm per aver fallito una qualificazione in Coppa Uefa. Ma soprattutto sono stati protagonisti di irripetibili stagioni televisive a Drive In ed Emilio, hanno incassato i complimenti di un monumento della comicità come Neil Simon per i loro adattamenti di Andy & Norman e La strana coppia, hanno vissuto trent’anni di straordinaria carriera teatrale e sono tornati in tv con un’acclamata partecipazione a Zelig per ricevere l’abbraccio del loro pubblico e di colleghi vecchi e nuovi. Quando Andrea Brambilla si spegne, il 24 ottobre 2013, tocca ovviamente a Nino dare la notizia: «Gaspare e Zuzzurro non ci sono più. Punto». Ed è proprio lui a raccontare in questo libro la loro storia, senza nascondere o addolcire niente, tra clamorosi successi pubblici e umanissime debolezze private, tra aneddoti esilaranti e momenti drammatici. La storia di Gaspare e Zuzzurro, la storia di Nino e Andrea.