Immortalità e destino

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


La riflessione di uno dei più importanti filosofi del nostro tempo sull’eternità e il senso della morte.

Tutto è eterno: ogni uomo, ogni oggetto, ogni frammento di vita, ogni aspetto della realtà. Dopo aver disvelato l’anima dell’Occidente nell’Identità della follia e aver abbattuto i Muri di pietra che costituiscono le forme del sapere incontrovertibile, Emanuele Severino ritorna su due tematiche da sempre care alla sua riflessione filosofica: l’immortalità e il destino. E per farlo, nei diversi saggi che compongono il libro, si confronta con le tesi di alcuni tra i pensatori più incisivi della filosofia contemporanea: Gadamer e l’intreccio di morte, parola, cosa, Nolte, Heidegger, Nietzsche e il nichilismo, la logica analitica (Popper, Wittgenstein e Russell) e quella dialettica. Attraverso il dialogo con teorici quali Bontadini, Vattimo, Lombardini, Vitiello e la vivace polemica con Odifreddi, l’autore spiega quale sia il destino di eternità in cui l’uomo già da sempre si trova e quali le differenze con il concetto teologico di immortalità a cui ambisce l’Occidente: l’eternità privilegiata di un Dio e l’immortalità di un essere umano che di per sé è nulla.
Pagina dopo pagina, si fa strada l’assunto che, al di là del suo credersi mortale, l’uomo è eterno, in quanto impossibilitato a divenire altro da sé.

Ancora una volta Severino conduce un’analisi seducente e rigorosa mostrando il senso più radicale della verità filosofica e guidandoci tra i percorsi tortuosi che disegnano la storia dell’uomo nel pensiero occidentale.

La riflessione di uno dei più importanti filosofi del nostro tempo sull’eternità e il senso della morte.

Tutto è eterno: ogni uomo, ogni oggetto, ogni frammento di vita, ogni aspetto della realtà. Dopo aver disvelato l’anima dell’Occidente nell’Identità della follia e aver abbattuto i Muri di pietra che costituiscono le forme del sapere incontrovertibile, Emanuele Severino ritorna su due tematiche da sempre care alla sua riflessione filosofica: l’immortalità e il destino. E per farlo, nei diversi saggi che compongono il libro, si confronta con le tesi di alcuni tra i pensatori più incisivi della filosofia contemporanea: Gadamer e l’intreccio di morte, parola, cosa, Nolte, Heidegger, Nietzsche e il nichilismo, la logica analitica (Popper, Wittgenstein e Russell) e quella dialettica. Attraverso il dialogo con teorici quali Bontadini, Vattimo, Lombardini, Vitiello e la vivace polemica con Odifreddi, l’autore spiega quale sia il destino di eternità in cui l’uomo già da sempre si trova e quali le differenze con il concetto teologico di immortalità a cui ambisce l’Occidente: l’eternità privilegiata di un Dio e l’immortalità di un essere umano che di per sé è nulla.
Pagina dopo pagina, si fa strada l’assunto che, al di là del suo credersi mortale, l’uomo è eterno, in quanto impossibilitato a divenire altro da sé.

Ancora una volta Severino conduce un’analisi seducente e rigorosa mostrando il senso più radicale della verità filosofica e guidandoci tra i percorsi tortuosi che disegnano la storia dell’uomo nel pensiero occidentale.

Commenti

Autore


  • Emanuele Severino

    , accademico dei Lincei, è autore di opere fondamentali tradotte in varie lingue. Scrive regolarmente sul “Corriere della Sera”. Tra i suoi ultimi libri pubblicati da Rizzoli ricordiamo l’autob [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 18.50 €
    • Pagine: 196
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817022026
    • ISBN E-book: 9788858602607

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...