Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Il vangelo di strada

Luigi Ciotti Rigoldi Gino Patriciello Maurizio Albanesi Vinicio

Rizzoli

La Chiesa di papa Francesco torna fra gli ultimi

“Preferisco una Chiesa accidentata, ferita e sporca per essere uscita per le strade, piuttosto che una Chiesa malata per la chiusura e la comodità di aggrapparsi alle proprie sicurezze.” Questa è la nuova comunità immaginata da papa Francesco: la Chiesa non è una “dogana” che osserva, giudica e discrimina, ma “una casa paterna dove c’è posto per ciascuno con la sua vita faticosa, soprattutto i poveri e gli infermi, coloro che spesso sono disprezzati e dimenticati, ‘coloro che non hanno da ricambiarti’”. È così che la Chiesa torna in strada, a cercare le persone per incontrare Dio, soprattutto fra gli ultimi, e così che la parola dei Vangeli si fa carne e parla a ognuno di noi, ai nostri corpi, non solo alle nostre anime. Don Ciotti è presidente dell’associazione Libera, don Rigoldi è cappellano del carcere minorile di Milano, don Patriciello è parroco della Terra dei fuochi, don Albanesi è presidente della Comunità di Capodarco. Sono i sacerdoti di frontiera, che interpretano la loro missione come necessità di essere più vicini agli ultimi e ai loro bisogni. Fino a poco tempo fa erano etichettati come “preti di strada” e messi ai margini della Chiesa. Ora papa Francesco è dalla loro parte, e così hanno iniziato un viaggio, ripreso dalle telecamere della trasmissione A sua immagine, per leggere e commentare le pagine del Vangelo nelle periferie, quelle “nate col peccato originale”, in cui si ammassano delinquenti e diseredati, “ma anche nelle periferie dell’anima, per dare una mano alle persone a ritrovare un senso e un significato”. Perché si può vivere senza sapere perché, ma non si può vivere senza sapere per chi.