Il Lupo di Wall Street

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


“Pump & dump”: è così, pompando artificialmente il valore delle azioni per poi rivenderle a peso d’oro a compratori incauti, che Jordan Belfort ha fatto i suoi primi (e ultimi) miliardi.

 

Per decisione dei giudici, il 50% di tutti i guadagni presenti e futuri di Belfort (compresi quelli che gli deriveranno dai diritti di questo libro) andrà alle vittime delle truffe da lui perpetrate.

 

Bastano un materassino e un uomo al di sotto del metro e venti, possibilmente consenziente, per organizzare un torneo di “lancio del nano”, sport favorito dall’autore negli anni d’oro della Stratton Oakmont.

 

 

Negli anni ‘90 Jordan Belfort ha guadagnato più soldi di quanti riuscisse a spenderne nelle sue leggendarie notti piene di coca, eccessi e puttane di lusso; più di quanti avesse mai osato sognarne ai tempi in cui vendeva carne e pesce nel Queens. Perché a Wall Street, cuore tachicardico della finanza mondiale, niente è impossibile, se sei giovane e affamato abbastanza. E nessuno ha più fame di Belfort, arruolato come semplice telefonista dalla società di brokeraggio LF Rothschild e subito contagiato dalla selvaggia ambizione dei giovani broker che “puzzano di successo lontano un miglio”. Geniale e spericolato, Belfort impara in un lampo l’ambigua arte di spostare mucchi di soldi e felicità, e giunge, nel giro di pochi anni, a fondare la sua società, la potentissima Stratton Oakmont, la “Disneyland dei broker”, dove il denaro si moltiplica senza controllo. Ma non bastano otto Ferrari, la villa più grande degli Hamptons, una moglie trofeo, l’elicottero personale pilotato in stato di ebbrezza, per farti padrone del mondo o, se è per questo, della tua vita. Dipendente da ventidue sostanze diverse, dalle orge, e dal vizio implacabile della grandezza, Belfort si prepara a una caduta più spettacolare persino della sua formidabile ascesa.

Cattivo, sincero, irriverente, Il lupo di Wall Street è la travolgente storia vera del più grandioso e spudorato sogno americano degli ultimi decenni, simbolo di un sistema che esalta e corrompe.

“Pump & dump”: è così, pompando artificialmente il valore delle azioni per poi rivenderle a peso d’oro a compratori incauti, che Jordan Belfort ha fatto i suoi primi (e ultimi) miliardi.

 

Per decisione dei giudici, il 50% di tutti i guadagni presenti e futuri di Belfort (compresi quelli che gli deriveranno dai diritti di questo libro) andrà alle vittime delle truffe da lui perpetrate.

 

Bastano un materassino e un uomo al di sotto del metro e venti, possibilmente consenziente, per organizzare un torneo di “lancio del nano”, sport favorito dall’autore negli anni d’oro della Stratton Oakmont.

 

 

Negli anni ‘90 Jordan Belfort ha guadagnato più soldi di quanti riuscisse a spenderne nelle sue leggendarie notti piene di coca, eccessi e puttane di lusso; più di quanti avesse mai osato sognarne ai tempi in cui vendeva carne e pesce nel Queens. Perché a Wall Street, cuore tachicardico della finanza mondiale, niente è impossibile, se sei giovane e affamato abbastanza. E nessuno ha più fame di Belfort, arruolato come semplice telefonista dalla società di brokeraggio LF Rothschild e subito contagiato dalla selvaggia ambizione dei giovani broker che “puzzano di successo lontano un miglio”. Geniale e spericolato, Belfort impara in un lampo l’ambigua arte di spostare mucchi di soldi e felicità, e giunge, nel giro di pochi anni, a fondare la sua società, la potentissima Stratton Oakmont, la “Disneyland dei broker”, dove il denaro si moltiplica senza controllo. Ma non bastano otto Ferrari, la villa più grande degli Hamptons, una moglie trofeo, l’elicottero personale pilotato in stato di ebbrezza, per farti padrone del mondo o, se è per questo, della tua vita. Dipendente da ventidue sostanze diverse, dalle orge, e dal vizio implacabile della grandezza, Belfort si prepara a una caduta più spettacolare persino della sua formidabile ascesa.

Cattivo, sincero, irriverente, Il lupo di Wall Street è la travolgente storia vera del più grandioso e spudorato sogno americano degli ultimi decenni, simbolo di un sistema che esalta e corrompe.

Commenti

Autore


  • Jordan Belfort

    (New York 1962) negli anni Novanta ha scalato le vette del successo finanziario, guadagnandosi il soprannome di “Lupo di Wall Street”. Protagonista di un clamoroso caso di frode, ha scontato 22 me [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Prezzo: 20.00 €
    • Pagine: 588
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817020015

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...