Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Il contagio

Walter Siti

Rizzoli

Il romanzo più estroverso di Walter Siti torna in libreria con un Post scriptum inedito dell’autore.

IL ROMANZO CULTO DI UNA GENERAZIONE

Per me ormai Roma è questa, non quella del Pantheon o di piazza Euclide; non i monumenti di gesso che si ammirano dal Gianicolo, né il giro di cupole e campanili che disegnano i gab­biani dalla Terrazza Olivetti. La Roma che per lui era straniera, da volerci quasi il visto per entrarci, è ormai straniera anche per me: non mi restano che le borgate, ma le borgate senz’anima perché l’anima delle borgate era lui. Per gli altri sono “il profes­sore”, detto con stima e ironia – il “buana” bianco che non cono­sce le usanze, il pollo da spennare, il gay attivo che comunque si inchiappettava uno dei loro, la persona di rispetto a cui chiedere il parere su un’irregolarità amministrativa o informazioni su un episodio storico: tra le identità che ho assunto nel tempo, mi pare una delle più accettabili.Il progetto meno opaco che riesco a formulare è trasferirmi all’estero, in una geografia immaginaria dei paesi in cui mi è stato concesso di far l’amore con Marcello (più o meno come in quei giochi dove si ricostruisce una figura congiungendo i pun­ti con un tratto di penna); mezzo per caso mezzo per volontà, la parte di mondo che mi sarebbe consentita ha ai suoi vertici Chicago e Sharm el-Sheikh, Amsterdam e Abu Dhabi, Rio de Janeiro e Barcellona, Cuba e Berlino – il territorio in cui l’ho posseduto è libero dai mostri.Il romanzo più estroverso di Walter Siti torna in libreria con un Post scriptum inedito dell’autore.

Libri Correlati

vedi tutti