I mariti delle altre – L’altra

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


C’è un motivo per cui L’altra donna l’hanno scritta sia Nina Simone sia i Pooh: che l’Altra sia una creatura triste e frustrata che desidera solo diventare Lei è una convinzione cardine della nostra cultura a ogni latitudine. Per ogni coniuge fedifrago, per ogni senso di colpa, per ogni rodimento di fegato causato dal sospetto, ci deve pur essere una compensazione in forma di amante in trepida attesa accanto al telefono che Lui “esca a fare due passi” e la raggiunga (oppure, oggi che i tempi sono cambiati, intenta a controllare compulsivamente che ci sia campo). Più che un cliché, l’Altra disperata è ormai un vero e proprio accessorio di coppia. Ritardante il divorzio per Lei, che vede confermate le sue scelte di vita: è proprio irresistibile quel tizio in ciabatte sprofondato nel divano in questo vivace sabato sera. Stimolante l’ego di Lui, e non solo, dato che il senso di colpa e la paura di essere beccato sono anche potenti afrodisiaci. In questa “terza puntata” della sua ricreazione storica e narrativa delle dinamiche adulterine, insieme crudelmente personale e capace di raffinato distacco letterario, Guia Soncini si conferma irresistibile profanatrice di ogni nostro sacro luogo comune. In realtà, osserva, “le migliori storie adultere iniziano promettendosi che non ci si farà mai cacciare di casa”. In realtà, Carrie Fisher affranta che si manda i fiori da sola in Harry ti presento Sally e Alex la proto-stalker bollitrice di conigli in Attrazione fatale sono incarnazioni assai rassicuranti del mito dell’Altra (non sarà un caso se finiscono tutte e due male, una sposata e una assassinata). In realtà, con poche eccezioni notevoli come Camilla Parker Bowles e Angelina Jolie, passando per variazioni sul tema tra cui Katharine Hepburn e Rossella O’Hara, le amanti sono in genere tali per un motivo: loro davvero non lo vogliono per casa, quel tizio con le ciabatte. Ma sono troppo signore per confessarlo.

C’è un motivo per cui L’altra donna l’hanno scritta sia Nina Simone sia i Pooh: che l’Altra sia una creatura triste e frustrata che desidera solo diventare Lei è una convinzione cardine della nostra cultura a ogni latitudine. Per ogni coniuge fedifrago, per ogni senso di colpa, per ogni rodimento di fegato causato dal sospetto, ci deve pur essere una compensazione in forma di amante in trepida attesa accanto al telefono che Lui “esca a fare due passi” e la raggiunga (oppure, oggi che i tempi sono cambiati, intenta a controllare compulsivamente che ci sia campo). Più che un cliché, l’Altra disperata è ormai un vero e proprio accessorio di coppia. Ritardante il divorzio per Lei, che vede confermate le sue scelte di vita: è proprio irresistibile quel tizio in ciabatte sprofondato nel divano in questo vivace sabato sera. Stimolante l’ego di Lui, e non solo, dato che il senso di colpa e la paura di essere beccato sono anche potenti afrodisiaci. In questa “terza puntata” della sua ricreazione storica e narrativa delle dinamiche adulterine, insieme crudelmente personale e capace di raffinato distacco letterario, Guia Soncini si conferma irresistibile profanatrice di ogni nostro sacro luogo comune. In realtà, osserva, “le migliori storie adultere iniziano promettendosi che non ci si farà mai cacciare di casa”. In realtà, Carrie Fisher affranta che si manda i fiori da sola in Harry ti presento Sally e Alex la proto-stalker bollitrice di conigli in Attrazione fatale sono incarnazioni assai rassicuranti del mito dell’Altra (non sarà un caso se finiscono tutte e due male, una sposata e una assassinata). In realtà, con poche eccezioni notevoli come Camilla Parker Bowles e Angelina Jolie, passando per variazioni sul tema tra cui Katharine Hepburn e Rossella O’Hara, le amanti sono in genere tali per un motivo: loro davvero non lo vogliono per casa, quel tizio con le ciabatte. Ma sono troppo signore per confessarlo.

Commenti

Autore


  • Guia Soncini

    Guia Soncini, giornalista e scrittrice, ha lavorato in televisione e in radio ed è stata collaboratrice di numerose riviste tra cui “Vanity Fair”, “Io donna”, “D di Repubblica”, “Marie [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • ISBN E-book: 9788858640258

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...