Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Ho amato JFK

Mimi Alford

Rizzoli
Copertina di: Ho amato JFK

Figlia della buona borghesia americana, educata nella stessa scuola di Jackie Kennedy, Mimi Alford ha diciannove anni quando ottiene un lavoro estivo all’ufficio stampa della Casa Bianca: “Tutti sembravano rifulgere della gioia di far parte di qualcosa di speciale. Quella sensazione s’impadronì in fretta anche di me”. È il giugno del 1962, nello Studio Ovale siede l’uomo che ha incarnato il mito dell’America liberal, icona dell’eterna giovinezza e celebre seduttore: John Fitzgerald Kennedy. Una nuotata in piscina, un cocktail di troppo, e JFK seduce la sua impiegata, vergine, inesperta e inebriata dalle sue attenzioni. Alla prima volta nella camera di Jackie ne seguono molte altre: anche dopo la fine del suo stage, tornata al college, Mimi comincia una doppia vita fatta di telefonate clandestine e improvvise convocazioni a Washington o richieste di accompagnare l’amante nei suoi viaggi. Non si fa illusioni ma avverte di essere, in qualche modo, necessaria a quest’uomo difficile, distaccato, potentissimo. Nei diciotto mesi della loro relazione ha la possibilità di conoscerne lati nascosti: la sua dipendenza dal sesso, certo, ma anche l’amore incondizionato per i figli, la paura della solitudine, l’ambizione smisurata. Poi, il 22 novembre 1963, davanti a un televisore, Mimi condivide con la Nazione intera il trauma dell’attentato di Dallas: la favola di Camelot finisce, all’improvviso e per sempre. Questo racconto dell’educazione sentimentale di una ragazza ingenua e incosciente intreccia storia pubblica e privata con un’autenticità che colpisce al cuore, offrendoci uno spaccato sull’America della Guerra Fredda, la storia della perdita dell’innocenza, una riflessione sugli strascichi dolorosi di un segreto inconfessato per quarant’anni. E una testimonianza unica su un personaggio tra i più amati di tutti i tempi.