Hillary, l’altra donna

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Dall’amantestorica di Bill, tutte le verità che i Clinton non hanno mai raccontato

Estate 1959. Al country club Belvedere di Hot Springs, durante una lezione di golf, Dolly Kyle incontra Bill Clinton. Lui ha quasi tredici anni, lei undici. Scatta un colpo di fulmine che “nel tempo si è trasformato in un flirt adolescenziale, poi in una profonda amicizia e in ultimo in una storia d’amore appassionata.” Una relazione durata decenni che “ha valicato frontiere, oceani, matrimoni, proibizioni sociali e considerazioni di carattere politico”. Ma in questa storia che posto occupa lei, Hillary Rodham Clinton, prima donna candidata alla presidenza degli Stati Uniti? Quando nel maggio 1974 Dolly la incontra pensa a uno scherzo di Bill: Hillary ha un vestito marrone sformato, occhiali spessi dietro i quali guarda in cagnesco chiunque, i capelli radi e unti. Invece non è uno scherzo: nel 1975 Hillary diventa per tutti la signora Clinton e per Dolly “l’altra donna” (o “la Guardiana”, come la chiama Bill) e si pone alla guida di una gigantesca macchina del fango pronta a colpire chiunque intralci la sua scalata politica. Una scalata che in oltre quarant’anni, sostiene l’autrice, ha comportato minacce, intimidazioni, aggressioni fisiche, discriminazioni razziali, spionaggio e bugie, comprese quelle pronunciate sotto giuramento in occasione dello scandalo Lewinsky e a cui si aggiungerebbero molestie sessuali da parte di Bill nei confronti di alcune donne. Con questo sconcertante memoir Dolly Kyle ha rivelato all’America il vero volto dei Clinton e della loro unione fondata sulla sete di potere, in perfetto stile House of Cards, gettando una luce oscura su Hillary alla vigilia delle elezioni presidenziali 2016.

Dall’amantestorica di Bill, tutte le verità che i Clinton non hanno mai raccontato

Estate 1959. Al country club Belvedere di Hot Springs, durante una lezione di golf, Dolly Kyle incontra Bill Clinton. Lui ha quasi tredici anni, lei undici. Scatta un colpo di fulmine che “nel tempo si è trasformato in un flirt adolescenziale, poi in una profonda amicizia e in ultimo in una storia d’amore appassionata.” Una relazione durata decenni che “ha valicato frontiere, oceani, matrimoni, proibizioni sociali e considerazioni di carattere politico”. Ma in questa storia che posto occupa lei, Hillary Rodham Clinton, prima donna candidata alla presidenza degli Stati Uniti? Quando nel maggio 1974 Dolly la incontra pensa a uno scherzo di Bill: Hillary ha un vestito marrone sformato, occhiali spessi dietro i quali guarda in cagnesco chiunque, i capelli radi e unti. Invece non è uno scherzo: nel 1975 Hillary diventa per tutti la signora Clinton e per Dolly “l’altra donna” (o “la Guardiana”, come la chiama Bill) e si pone alla guida di una gigantesca macchina del fango pronta a colpire chiunque intralci la sua scalata politica. Una scalata che in oltre quarant’anni, sostiene l’autrice, ha comportato minacce, intimidazioni, aggressioni fisiche, discriminazioni razziali, spionaggio e bugie, comprese quelle pronunciate sotto giuramento in occasione dello scandalo Lewinsky e a cui si aggiungerebbero molestie sessuali da parte di Bill nei confronti di alcune donne. Con questo sconcertante memoir Dolly Kyle ha rivelato all’America il vero volto dei Clinton e della loro unione fondata sulla sete di potere, in perfetto stile House of Cards, gettando una luce oscura su Hillary alla vigilia delle elezioni presidenziali 2016.

Commenti

Autore


  • Dolly Kyle

    (1948) è un avvocato immobiliarista di fama con alle spalle un prestigioso percorso di studi. Vive in Arkansas con le sue tre figlie.


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: VARIA
    • Prezzo: 19.00 €
    • Pagine: 364
    • Formato libro: 21 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817091381
    • ISBN E-book: 9788858686232

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...