Giovanni Gentile. Un filosofo al potere negli anni del regime

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


La vita, il pensiero e l'eredità del più importante e controverso pensatore dell'età fascista.

Sessant'anni fa, il 15 aprile 1944, davanti al cancello della sua villa al Salviatino, Giovanni Gentile venne trucidato da un commando dei Gap di Firenze. Terminava così i suoi giorni, in piena guerra civile, uno dei più grandi filosofi del Novecento italiano. Professore prima a Palermo e a Pisa, poi a Roma, Gentile abbracciò la corrente neo-idealista e dette vita con Benedetto Croce a un memorabile sodalizio intellettuale e editoriale, destinato a interrompersi in seguito a divergenze teoretiche e all'adesione di Gentile al fascismo. Nominato ministro della Pubblica istruzione nel primo governo Mussolini, fu autore nel 1923 della più vasta e radicale riforma della scuola italiana, ispiratore e presidente dell'Enciclopedia Treccani e direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa. La fedeltà al partito fascista, in cui vedeva l'incarnazione del suo credo filosofico e dei moti risorgimentali di unità nazionale, lo indusse ad aderire nel 1943 alla Repubblica sociale italiana, benché lo stesso regime lo avesse ormai relegato a un ruolo politico di scarso rilievo. In questa fortunata biografia, pubblicata per la prima volta nel 1984 e ora introdotta da una nuova prefazione dell'autore, Sergio Romano ritrae il filosofo siciliano in tutta la sua umanità e complessità, lontano dai giudizi sommari e dalle spietate condanne ideologiche che ne hanno a lungo segnato la memoria. Inviso ai filosofi cattolici come ai liberali, ma anche alla destra più intransigente, Gentile non si discostò mai, nella pratica della sua attività culturale e accademica, da principi di libertà e tolleranza, e formò agli studi filosofici due generazioni di intellettuali che passarono, sul finire degli anni Trenta, nello schieramento antifascista. Scavando nei suoi valori ideali - la coerenza, il senso del dovere, l'amor di patria -, nelle sue scelte e nelle sue contraddizioni, questo libro ci invita a rileggere senza preconcetti una straordinaria figura e, con essa, una pagina cruciale della storia del nostro paese.

La vita, il pensiero e l'eredità del più importante e controverso pensatore dell'età fascista.

Sessant'anni fa, il 15 aprile 1944, davanti al cancello della sua villa al Salviatino, Giovanni Gentile venne trucidato da un commando dei Gap di Firenze. Terminava così i suoi giorni, in piena guerra civile, uno dei più grandi filosofi del Novecento italiano. Professore prima a Palermo e a Pisa, poi a Roma, Gentile abbracciò la corrente neo-idealista e dette vita con Benedetto Croce a un memorabile sodalizio intellettuale e editoriale, destinato a interrompersi in seguito a divergenze teoretiche e all'adesione di Gentile al fascismo. Nominato ministro della Pubblica istruzione nel primo governo Mussolini, fu autore nel 1923 della più vasta e radicale riforma della scuola italiana, ispiratore e presidente dell'Enciclopedia Treccani e direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa. La fedeltà al partito fascista, in cui vedeva l'incarnazione del suo credo filosofico e dei moti risorgimentali di unità nazionale, lo indusse ad aderire nel 1943 alla Repubblica sociale italiana, benché lo stesso regime lo avesse ormai relegato a un ruolo politico di scarso rilievo. In questa fortunata biografia, pubblicata per la prima volta nel 1984 e ora introdotta da una nuova prefazione dell'autore, Sergio Romano ritrae il filosofo siciliano in tutta la sua umanità e complessità, lontano dai giudizi sommari e dalle spietate condanne ideologiche che ne hanno a lungo segnato la memoria. Inviso ai filosofi cattolici come ai liberali, ma anche alla destra più intransigente, Gentile non si discostò mai, nella pratica della sua attività culturale e accademica, da principi di libertà e tolleranza, e formò agli studi filosofici due generazioni di intellettuali che passarono, sul finire degli anni Trenta, nello schieramento antifascista. Scavando nei suoi valori ideali - la coerenza, il senso del dovere, l'amor di patria -, nelle sue scelte e nelle sue contraddizioni, questo libro ci invita a rileggere senza preconcetti una straordinaria figura e, con essa, una pagina cruciale della storia del nostro paese.

Commenti

Autore


  • Sergio Romano

    Sergio Romano, ex ambasciatore, storico, giornalista, è editorialista del “Corriere della Sera”, di cui dal gennaio 2005 cura la rubrica delle lettere, e di “Panorama”. Tra i suoi libri più [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 19.00 €
    • Pagine: 504
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817001380

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...