Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Gente perbene

Enrico Vaime

Rizzoli

Il Borgo Bello non era un brutto posto dove crescere, con l’aria buona della campagna a due passi, ma anche quella più fine di città. E se i vicini non erano proprio tipi comuni, di certo erano tutta gente perbene, vere colonne di una provincia uscita dalla guerra un po’ ammaccata, ma decisa a ripartire. Erano gli anni Quaranta, e a lui che ci era nato il Borgo Bello pareva bello sul serio, con i suoi eleganti quattro “villini” e il barometro tirolese che diceva il tempo, con l’omino e la donnina a fare cucù. Poi con gli anni si cambia, si cresce e arrivano i primi dubbi. Così quella “gente perbene” che si dava per scontata inizia a mostrare una facciata diversa, incrinata da crepe sottili che mostrano quello che c’è sotto. Tra eccentrici periti chimici, signore che si attribuiscono titoli nobiliari abusivi, vecchi fasci estroversi, preti petomani e giovani cameriere dall’inesauribile spirito di iniziativa, una storia di formazione delicata ed esilarante, ritratto di un’Italia che mette ancora allegria.