Fiat. Una storia del capitalismo italiano

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Una storia del capitalismo italiano

Da una grande dinastia di imprenditori alla crisi dell'auto e alle nuove sfide del mercato globale.

"La storia fondamentale di un'impresa che è divenuta parte integrante della nostra identità."
- Corriere della Sera

Raccontare le vicende della Fiat significa narrare una vera e propria storia esemplare del capitalismo italiano. Come è riuscita una fabbrica di automobili, fondata quasi per hobby da un gruppo di appassionati, a conquistare una crescente influenza nella vita nazionale sino a diventare l'ammiraglia del capitalismo italiano? In che modo la Fiat ha affrontato le tempeste di due grandi guerre, le crisi economiche, i mutamenti politici, i conflitti sociali del secolo passato? A queste e a molte altre domande risponde Valerio Castronovo nell'opera capitale alla quale ha dedicato molti anni di ricerche. Numerosi sono i temi che si intrecciano in questa ricostruzione: lo sviluppo e le strategie della grande industria, l'organizzazione del lavoro e il movimento sindacale, le dinamiche sociali (dalle evoluzioni dei costumi alle migrazioni di massa dal Sud al Nord); i cambiamenti nel mondo dell'informazione (dalle vicende della «Stampa» a quelle del «Corriere della Sera»); le relazioni internazionali (dalla scelta di campo occidentale ai rapporti economici con l'Est e con l'Unione Sovietica). Si snoda così un tracciato denso di episodi, ma soprattutto una storia di uomini: da Giovanni Agnelli ai discendenti della famiglia che da un secolo regge le sorti dell'azienda, alle quattro generazioni di dirigenti, operai e quadri intermedi che nella fabbrica hanno lavorato, lottato, vissuto; dai politici agli intellettuali che hanno identificato in una concentrazione di energie e risorse come la Fiat un fattore essenziale per l'ingresso dell'Italia nella modernità. In questa edizione ampiamente rivista e aggiornata ? che copre sei anni ricchi di eventi: dalla scomparsa di Gianni e Umberto Agnelli all'alleanza prima stretta e poi sciolta con la General Motors, fino alle prospettive dell'azienda in un mercato dell'auto sempre più difficile e competitivo ? questo libro si conferma un grande affresco da cui emerge il complesso itinerario nazionale dalla prima affermazione di una società industriale avanzata fino al difficile momento di crisi economica e sociale che il Paese sta oggi affrontando.

Una storia del capitalismo italiano

Da una grande dinastia di imprenditori alla crisi dell'auto e alle nuove sfide del mercato globale.

"La storia fondamentale di un'impresa che è divenuta parte integrante della nostra identità."
- Corriere della Sera

Raccontare le vicende della Fiat significa narrare una vera e propria storia esemplare del capitalismo italiano. Come è riuscita una fabbrica di automobili, fondata quasi per hobby da un gruppo di appassionati, a conquistare una crescente influenza nella vita nazionale sino a diventare l'ammiraglia del capitalismo italiano? In che modo la Fiat ha affrontato le tempeste di due grandi guerre, le crisi economiche, i mutamenti politici, i conflitti sociali del secolo passato? A queste e a molte altre domande risponde Valerio Castronovo nell'opera capitale alla quale ha dedicato molti anni di ricerche. Numerosi sono i temi che si intrecciano in questa ricostruzione: lo sviluppo e le strategie della grande industria, l'organizzazione del lavoro e il movimento sindacale, le dinamiche sociali (dalle evoluzioni dei costumi alle migrazioni di massa dal Sud al Nord); i cambiamenti nel mondo dell'informazione (dalle vicende della «Stampa» a quelle del «Corriere della Sera»); le relazioni internazionali (dalla scelta di campo occidentale ai rapporti economici con l'Est e con l'Unione Sovietica). Si snoda così un tracciato denso di episodi, ma soprattutto una storia di uomini: da Giovanni Agnelli ai discendenti della famiglia che da un secolo regge le sorti dell'azienda, alle quattro generazioni di dirigenti, operai e quadri intermedi che nella fabbrica hanno lavorato, lottato, vissuto; dai politici agli intellettuali che hanno identificato in una concentrazione di energie e risorse come la Fiat un fattore essenziale per l'ingresso dell'Italia nella modernità. In questa edizione ampiamente rivista e aggiornata ? che copre sei anni ricchi di eventi: dalla scomparsa di Gianni e Umberto Agnelli all'alleanza prima stretta e poi sciolta con la General Motors, fino alle prospettive dell'azienda in un mercato dell'auto sempre più difficile e competitivo ? questo libro si conferma un grande affresco da cui emerge il complesso itinerario nazionale dalla prima affermazione di una società industriale avanzata fino al difficile momento di crisi economica e sociale che il Paese sta oggi affrontando.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 26.00 €
    • Pagine: 848
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817007863

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...