Dio. Una storia di uomini

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


una storia umana

In Gesù il ribelle Reza Aslan ci aveva raccontato la complessa figura del Nazareno, restituendoci il ritratto dell’uomo vero che era Gesù, con tutte le sue contraddizioni. Ora affronta un tema ancora più vasto e ambizioso: Dio, in tutte le sue forme e manifestazioni. Gli studi, ci spiega, hanno dimostrato che i bambini faticano a distinguere tra uomini e Dio: quando si chiede loro di immaginare Dio, descrivono immancabilmente un essere umano dotato di capacità sovrumane. E crescendo le cose non cambiano. Si tratta di una proiezione non priva di conseguenze, perché attribuiamo a Dio non solo quello che c’è di buono nella natura umana – la compassione, la sete di giustizia – ma anche quello che c’è in noi di cattivo: l’avidità, l’intolleranza, la propensione alla violenza. Secondo Aslan il desiderio innato di umanizzare Dio è iscritto nel nostro cervello e ciò lo rende una caratteristica centrale di quasi tutte le tradizioni religiose. È quello che ci ha portato a formulare le prime teorie sull’universo e sul nostro ruolo al suo interno. Ha ispirato le nostre prime rappresentazioni fisiche dell’aldilà. “Con questo non si vuole sostenere che Dio non esiste, o che ciò che chiamiamo Dio è totalmente un’invenzione dell’uomo” scrive Aslan. Che in queste pagine non si pone l’obiettivo di dimostrare l’esistenza o la non esistenza di Dio ma, da brillante studioso e abile narratore qual è, percorre l’intera storia della spiritualità umana, dall’animismo primitivo alle grandi religioni monoteistiche fino alla mistica islamica: un lungo sforzo in continua evoluzione per dare un senso al divino rendendo Dio noi.

una storia umana

In Gesù il ribelle Reza Aslan ci aveva raccontato la complessa figura del Nazareno, restituendoci il ritratto dell’uomo vero che era Gesù, con tutte le sue contraddizioni. Ora affronta un tema ancora più vasto e ambizioso: Dio, in tutte le sue forme e manifestazioni. Gli studi, ci spiega, hanno dimostrato che i bambini faticano a distinguere tra uomini e Dio: quando si chiede loro di immaginare Dio, descrivono immancabilmente un essere umano dotato di capacità sovrumane. E crescendo le cose non cambiano. Si tratta di una proiezione non priva di conseguenze, perché attribuiamo a Dio non solo quello che c’è di buono nella natura umana – la compassione, la sete di giustizia – ma anche quello che c’è in noi di cattivo: l’avidità, l’intolleranza, la propensione alla violenza. Secondo Aslan il desiderio innato di umanizzare Dio è iscritto nel nostro cervello e ciò lo rende una caratteristica centrale di quasi tutte le tradizioni religiose. È quello che ci ha portato a formulare le prime teorie sull’universo e sul nostro ruolo al suo interno. Ha ispirato le nostre prime rappresentazioni fisiche dell’aldilà. “Con questo non si vuole sostenere che Dio non esiste, o che ciò che chiamiamo Dio è totalmente un’invenzione dell’uomo” scrive Aslan. Che in queste pagine non si pone l’obiettivo di dimostrare l’esistenza o la non esistenza di Dio ma, da brillante studioso e abile narratore qual è, percorre l’intera storia della spiritualità umana, dall’animismo primitivo alle grandi religioni monoteistiche fino alla mistica islamica: un lungo sforzo in continua evoluzione per dare un senso al divino rendendo Dio noi.

Commenti

Autore


  • Reza Aslan

    è nato in Iran ed è cresciuto negli Stati Uniti. Ha conseguito un master in studi religiosi a Harvard e un PhD in sociologia delle religioni all’Università della California. Rizzoli ha pubblicato [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 22 €
    • Pagine: 352
    • Formato libro: 23 x 15
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817098991

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...