Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Come ho smesso di essere ebreo

Shlomo Sand

Rizzoli

In gioventù, Shlomo Sand aveva fatto proprio l’impegno di Ilya Ehrenburg: avrebbe continuato a professarsi ebreo finché al mondo fosse rimasto anche un solo antisemita. Ma, forse proprio a causa dell’antisemitismo, l’identità ebraica ha subito una deformazione, è diventata una sorta di essenza eterna (perfino genetica, secondo gli scienziati sionisti) fino a trasformarsi nell’alibi per una politica aggressiva e autoritaria: così Israele è una democrazia che discrimina i suoi cittadini in base alla religione, visto che i non ebrei non godono degli stessi diritti degli ebrei, i matrimoni misti sono mal tollerati e la società è “una tra le più razziste del mondo occidentale”. Come può allora “chi non è religioso ma umanista, democratico e dotato di un minimo di onestà, continuare a definirsi ebreo?” La risposta è un attacco al cuore di Israele, ma anche un incontro doloroso dell’autore con la propria storia, una riflessione profonda e culturalmente articolata sul senso di un’identità tormentata e sempre in bilico. Mettere in discussione i concetti chiave e le fondamenta del nostro sistema di pensiero è molto più difficile che orientarsi in base a pregiudizi e a frasi fatte, spiega Sand, ma è solo attraverso la voragine di dubbi e perplessità che si apre sotto i nostri piedi quando facciamo i conti con le logiche sotterranee del nostro passato che il futuro inizia a compiersi: “Sono figlio di ebrei sopravvissuti all’inferno europeo degli anni quaranta senza mai smettere di sognare una vita migliore: l’arcangelo della storia che ci fissa con occhi sconvolti non mi permette di rinunciare, di perdere la speranza”.

Libri Correlati

vedi tutti