Che

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Prefazione di Goffredo Fofi
Un romanzo grafico rivoluzionario

Questo libro nasce in Argentina nel 1968, a un anno dalla morte del Che.
Nel 1973 viene messo al bando. Nel 1976 gli autori lo seppelliscono in giardino per sfuggire alle persecuzioni della neonata dittatura militare. Recuperato dopo sette anni, torna alla luce in Spagna nel 1987, diventando rapidamente un prezioso oggetto di culto.

"La storia del fumetto" sostiene Frank Miller, creatore di graphic novel di successo come Sin City e 300, "va divisa in due epoche: quella che precede Alberto Breccia e quella che viene dopo Alberto Breccia."

Secondo Goffredo Fofi , Che è "molto di più che una bella biografia a fumetti dell’eroe rivoluzionario, è una testimonianza di adesione morale e politica ai suoi ideali".

Il 9 ottobre 1967, nel villaggio boliviano di La Higuera, Ernesto "Che" Guevara giace senza vita sul pavimento di mattoni di una piccola scuola. L’immagine di quel corpo, circondato dallo sguardo inquisitore di militari e giornalisti, fa il giro del mondo e spinge al pianto milioni di persone. Un pianto affettuoso, sconsolato, rabbioso. Sono gli anni della contestazione e la protesta giovanile ha da questo momento una bandiera in più: il volto del Che. Un anno dopo, nel 1968, Buenos Aires è ricoperta di manifesti che annunciano l’uscita di Che, una biografi a realizzata dai più grandi nomi del fumetto argentino: Héctor Oesterheld alla sceneggiatura, Alberto Breccia ai pennelli, accompagnato dal giovane figlio Enrique. Il successo è immediato. Il libro si diffonde rapidamente fra i più giovani, passa di mano in mano, la vita del Che diventa una sorta di vangelo rivoluzionario. Pochi anni dopo l’Argentina cade in una stretta repressiva che culmina con un colpo di Stato. Improvvisamente il Paese deve rinnegare il ricordo di Guevara, Che viene messo al bando. Una minacciosa spirale di delitti spinge Alberto e Enrique Breccia a disfarsi delle tavole originali. Padre e figlio si liberano anche delle copie in loro possesso. Tutte meno una, rimasta per anni sepolta in giardino. Il Che muore per la seconda volta. Nel 1987 il libro viene finalmente ristampato in Spagna. Torna così a splendere l’infiammato candore di questo "classico proibito", un avvincente esperimento narrativo nel quale i diari di Guevara e le parole di Oesterheld si fondono nel segno ombroso dei Breccia, come in un tango struggente e notturno.


Alberto Breccia (1919-1993) è un maestro del fumetto moderno. Dotato di una versatilità stilistica impressionante, nella sua lunga e prolifica carriera ha attraversato e trasformato tutti i generi del fumetto. La sua sterminata bibliografia va dalle strisce popolari ai meravigliosi adattamenti delle opere di Lovecraft e Poe.

Prefazione di Goffredo Fofi
Un romanzo grafico rivoluzionario

Questo libro nasce in Argentina nel 1968, a un anno dalla morte del Che.
Nel 1973 viene messo al bando. Nel 1976 gli autori lo seppelliscono in giardino per sfuggire alle persecuzioni della neonata dittatura militare. Recuperato dopo sette anni, torna alla luce in Spagna nel 1987, diventando rapidamente un prezioso oggetto di culto.

"La storia del fumetto" sostiene Frank Miller, creatore di graphic novel di successo come Sin City e 300, "va divisa in due epoche: quella che precede Alberto Breccia e quella che viene dopo Alberto Breccia."

Secondo Goffredo Fofi , Che è "molto di più che una bella biografia a fumetti dell’eroe rivoluzionario, è una testimonianza di adesione morale e politica ai suoi ideali".

Il 9 ottobre 1967, nel villaggio boliviano di La Higuera, Ernesto "Che" Guevara giace senza vita sul pavimento di mattoni di una piccola scuola. L’immagine di quel corpo, circondato dallo sguardo inquisitore di militari e giornalisti, fa il giro del mondo e spinge al pianto milioni di persone. Un pianto affettuoso, sconsolato, rabbioso. Sono gli anni della contestazione e la protesta giovanile ha da questo momento una bandiera in più: il volto del Che. Un anno dopo, nel 1968, Buenos Aires è ricoperta di manifesti che annunciano l’uscita di Che, una biografi a realizzata dai più grandi nomi del fumetto argentino: Héctor Oesterheld alla sceneggiatura, Alberto Breccia ai pennelli, accompagnato dal giovane figlio Enrique. Il successo è immediato. Il libro si diffonde rapidamente fra i più giovani, passa di mano in mano, la vita del Che diventa una sorta di vangelo rivoluzionario. Pochi anni dopo l’Argentina cade in una stretta repressiva che culmina con un colpo di Stato. Improvvisamente il Paese deve rinnegare il ricordo di Guevara, Che viene messo al bando. Una minacciosa spirale di delitti spinge Alberto e Enrique Breccia a disfarsi delle tavole originali. Padre e figlio si liberano anche delle copie in loro possesso. Tutte meno una, rimasta per anni sepolta in giardino. Il Che muore per la seconda volta. Nel 1987 il libro viene finalmente ristampato in Spagna. Torna così a splendere l’infiammato candore di questo "classico proibito", un avvincente esperimento narrativo nel quale i diari di Guevara e le parole di Oesterheld si fondono nel segno ombroso dei Breccia, come in un tango struggente e notturno.


Alberto Breccia (1919-1993) è un maestro del fumetto moderno. Dotato di una versatilità stilistica impressionante, nella sua lunga e prolifica carriera ha attraversato e trasformato tutti i generi del fumetto. La sua sterminata bibliografia va dalle strisce popolari ai meravigliosi adattamenti delle opere di Lovecraft e Poe.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Prezzo: 14.90 €
    • Pagine: 128
    • Formato libro: 28 x 20
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817018470

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...