Capitano e gentiluomo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


IL CAPITANO E SIMBOLO DELL’INTER
RACCONTA LA SUA CARRIERA,
LA SUA VITA TRA L’ARGENTINA E L’ITALIA,
IL SUO IMPEGNO PER AIUTARE I RAGAZZI ARGENTINI
DELLA FUNDACIÓN PUPI.

“Un argentino al comando dei nerazzurri non si era mai visto prima.” Per Javier Zanetti, capitano e simbolo dell’Inter, portare quella fascia è un orgoglio smisurato. Perché il suo amore per l’Internazionale ha origini lontane. Giusto per rendere l’idea, ha fatto aggiungere alla sua automobile nera una fascia azzurra che corre tutto intorno alla carrozzeria, con incastonato in un cerchio il numero 4, lo stesso della sua maglia da quando ventiduenne è arrivato segnalato da un osservatore d’eccezione, Valentin Angelillo. Perfino il bagno della sua casa è tutto piastrellato con i colori nerazzurri, e non manca ovviamente un mosaico che forma il numero 4. E pensare che da ragazzino gli allenatori lo consideravano troppo magro per poter sfondare nel calcio, mentre oggi il suo quadricipite femorale viene celebrato anche dai tifosi delle squadre avversarie. Secondo assoluto dopo Beppe Bergomi e davanti a Giacinto Facchetti per numero di presenze con la maglia dell’Inter, il Capitano è un calciatore che a 35 anni si allena come se avesse ancora tutto da dimostrare. Ed è anche un campione della solidarietà. Subito dopo l’esplosione della crisi economica argentina del 2001, Javier Zanetti ha costituito la Fundación Pupi, usando il suo soprannome come sigla che significa “per un’infanzia integrata”, per aiutare i bambini poveri e diversamente abili della periferia di Buenos Aires, con progetti di istruzione, affido, adozione, formazione sportiva, avviamento al lavoro.
Capitano e gentiluomo è l’autoritratto di un campione inimitabile. Dai primi calci al pallone, tra la scuola e l’aiuto al padre muratore, all’arrivo in Italia in una squadra pazza e dopo molti anni vincente come l’Inter, Zanetti racconta per la prima volta la storia della sua vita intrecciata alle storie di tutti i “pupi” aiutati dalla sua fondazione.

Parte del ricavato dei diritti d’autore sarà devoluto alla Fundación Pupi.

IL CAPITANO E SIMBOLO DELL’INTER
RACCONTA LA SUA CARRIERA,
LA SUA VITA TRA L’ARGENTINA E L’ITALIA,
IL SUO IMPEGNO PER AIUTARE I RAGAZZI ARGENTINI
DELLA FUNDACIÓN PUPI.

“Un argentino al comando dei nerazzurri non si era mai visto prima.” Per Javier Zanetti, capitano e simbolo dell’Inter, portare quella fascia è un orgoglio smisurato. Perché il suo amore per l’Internazionale ha origini lontane. Giusto per rendere l’idea, ha fatto aggiungere alla sua automobile nera una fascia azzurra che corre tutto intorno alla carrozzeria, con incastonato in un cerchio il numero 4, lo stesso della sua maglia da quando ventiduenne è arrivato segnalato da un osservatore d’eccezione, Valentin Angelillo. Perfino il bagno della sua casa è tutto piastrellato con i colori nerazzurri, e non manca ovviamente un mosaico che forma il numero 4. E pensare che da ragazzino gli allenatori lo consideravano troppo magro per poter sfondare nel calcio, mentre oggi il suo quadricipite femorale viene celebrato anche dai tifosi delle squadre avversarie. Secondo assoluto dopo Beppe Bergomi e davanti a Giacinto Facchetti per numero di presenze con la maglia dell’Inter, il Capitano è un calciatore che a 35 anni si allena come se avesse ancora tutto da dimostrare. Ed è anche un campione della solidarietà. Subito dopo l’esplosione della crisi economica argentina del 2001, Javier Zanetti ha costituito la Fundación Pupi, usando il suo soprannome come sigla che significa “per un’infanzia integrata”, per aiutare i bambini poveri e diversamente abili della periferia di Buenos Aires, con progetti di istruzione, affido, adozione, formazione sportiva, avviamento al lavoro.
Capitano e gentiluomo è l’autoritratto di un campione inimitabile. Dai primi calci al pallone, tra la scuola e l’aiuto al padre muratore, all’arrivo in Italia in una squadra pazza e dopo molti anni vincente come l’Inter, Zanetti racconta per la prima volta la storia della sua vita intrecciata alle storie di tutti i “pupi” aiutati dalla sua fondazione.

Parte del ricavato dei diritti d’autore sarà devoluto alla Fundación Pupi.

Commenti

Autore


  • Javier Zanetti

    Javier Zanetti, Buenos Aires, classe 1973, gioca in nerazzurro dal 1995. Nella sua bacheca, oltre a scudetti, coppe Italia, supercoppe italiane e coppa Uefa, c’è anche un argento olimpico ad Atlant [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 16.50 €
    • Pagine: 140
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817032995

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...