Anatomie

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Perché presso diverse culture è il fegato, e non il cuore, la sede della vita spirituale e affettiva dell’uomo? Possiamo non essere “legalmente” proprietari del nostro corpo? Monna Lisa non ha le sopracciglia e noi non lo notiamo: com’è possibile? Gli universi culturali e simbolici del corpo umano sono infiniti, sempre diversi nel corso della storia dell’umanità. In questo libro Aldersey- Williams ne traccia un ritratto sorprendente, ricco di scoperte e clamorose smentite, soffermandosi su significati e caratteri attribuiti alle sue parti e ai suoi organi: dagli studi di Leonardo sull’armonia delle proporzioni alla presunta purezza del sangue e della razza, dal cannibalismo alla simbologia dello scheletro, da Frankenstein ai robot umanoidi, dai crani rimpiccioliti di alcune tribù amazzoniche al cervello di Einstein, conservato a Princeton e studiato ancora oggi per scoprire il segreto del suo genio. Con scarsi risultati, a dir la verità: notizie bomba sui modi in cui la genialità si manifesta nel corpo fisico per ora non ci sono arrivate. Familiare eppure misterioso, il nostro corpo ha da dirci su noi stessi molto più di quanto immaginiamo. Per questo, in una sala settoria della Oxford University, Hugh Aldersey-Williams ha deciso di guardare sotto quel sottile strato di pelle che ci separa dal mondo esterno: “Anche se ci piace credere di essere impegnati in un continuo allargamento dei confini dell’umano, di tanto in tanto, optiamo per una ritirata tattica e tracciamo i nostri confini più vicino anziché più lontano”. Esorcizziamo le nostre paure ridendone, o ignorandolo: ma il corpo è la nostra casa. E non esiste via di fuga.

Perché presso diverse culture è il fegato, e non il cuore, la sede della vita spirituale e affettiva dell’uomo? Possiamo non essere “legalmente” proprietari del nostro corpo? Monna Lisa non ha le sopracciglia e noi non lo notiamo: com’è possibile? Gli universi culturali e simbolici del corpo umano sono infiniti, sempre diversi nel corso della storia dell’umanità. In questo libro Aldersey- Williams ne traccia un ritratto sorprendente, ricco di scoperte e clamorose smentite, soffermandosi su significati e caratteri attribuiti alle sue parti e ai suoi organi: dagli studi di Leonardo sull’armonia delle proporzioni alla presunta purezza del sangue e della razza, dal cannibalismo alla simbologia dello scheletro, da Frankenstein ai robot umanoidi, dai crani rimpiccioliti di alcune tribù amazzoniche al cervello di Einstein, conservato a Princeton e studiato ancora oggi per scoprire il segreto del suo genio. Con scarsi risultati, a dir la verità: notizie bomba sui modi in cui la genialità si manifesta nel corpo fisico per ora non ci sono arrivate. Familiare eppure misterioso, il nostro corpo ha da dirci su noi stessi molto più di quanto immaginiamo. Per questo, in una sala settoria della Oxford University, Hugh Aldersey-Williams ha deciso di guardare sotto quel sottile strato di pelle che ci separa dal mondo esterno: “Anche se ci piace credere di essere impegnati in un continuo allargamento dei confini dell’umano, di tanto in tanto, optiamo per una ritirata tattica e tracciamo i nostri confini più vicino anziché più lontano”. Esorcizziamo le nostre paure ridendone, o ignorandolo: ma il corpo è la nostra casa. E non esiste via di fuga.

Commenti

Autore


  • Hugh Aldersey Williams

    HUGH ALDERSEY-WILLIAMS (Londra 1959) si è laureato in scienze naturali a Cambridge. Pur di conciliare la sua duplice passione per la scienza e la scrittura, è diventato un giornalista freelance. Con [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Genere e argomento: Scienza e Tecnologia
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 22.00 €
    • Pagine: 496
    • Formato libro: 18 x 13
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817065429
    • ISBN E-book: 9788858644577

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...