Anatomia dell’influenza

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Da Milton a Paul Valéry, da Shelley a Leopardi, da Lucrezio a Eliot, da Dante a Shakespeare e Whitman, una vertiginosa e personalissima esplorazione del canone poetico occidentale.
Perché la vita stessa è una ragnatela di citazioni.

“La mia riflessione definitiva sul processo dell’influenza letteraria.”
— Harold Bloom

“Bloom eleva la scrittura critica al rango della letteratura stessa.”
–New York Times Book Review

“La critica letteraria è l’unica forma accettabile di autobiografia” sosteneva Walter Pater. Lo dimostra in questo libro Harold Bloom, che oggi suggella l’esperienza di una vita intera di curiosità, pensiero e insegnamento ripercorrendo i temi e le passioni della sua carriera con gli occhi del critico e soprattutto del lettore instancabile. A quarant’anni dal capolavoro L’angoscia dell’influenza, torna infatti a confrontarsi con la trama segreta di soggettività, emulazione, mimesi, lotta e tradimento che innerva la storia letteraria e arricchisce l’esperienza del testo, poiché leggere è innanzitutto un dialogo a distanza che non si esaurisce nelle pagine ma si nutre di echi, risonanze e infiltrazioni che durano per tutta la vita. I capolavori non vengono infatti al mondo già perfettamente formati: emergono da una lotta senza quartiere con quelli che li hanno preceduti. Leggerli e comprenderli fino in fondo significa ricostruire le mosse di questa battaglia, tracciando di rimando in suggestione, di citazione in appropriazione, la mappa dei vincitori, dei vinti, dei saccheggi.
Sul filo degli incontri, delle scoperte e degli amori più duraturi, Bloom costruisce un ideale testamento – il suo “canto del cigno”, come lui stesso lo ha definito – che è insieme raccolta di saggi, autobiografia letteraria e invito al corpo a corpo con i maestri del nostro pensiero. Perché attraverso la letteratura, un gioco di specchi sempre più complesso, dove l’amore per i testi alimenta l’ossessione per altri testi, la loro voce rischia talvolta di soverchiare e annientare la nostra, eppure senza ascoltarla non potremmo mai scoprire, e diventare, chi siamo.

Da Milton a Paul Valéry, da Shelley a Leopardi, da Lucrezio a Eliot, da Dante a Shakespeare e Whitman, una vertiginosa e personalissima esplorazione del canone poetico occidentale.
Perché la vita stessa è una ragnatela di citazioni.

“La mia riflessione definitiva sul processo dell’influenza letteraria.”
— Harold Bloom

“Bloom eleva la scrittura critica al rango della letteratura stessa.”
–New York Times Book Review

“La critica letteraria è l’unica forma accettabile di autobiografia” sosteneva Walter Pater. Lo dimostra in questo libro Harold Bloom, che oggi suggella l’esperienza di una vita intera di curiosità, pensiero e insegnamento ripercorrendo i temi e le passioni della sua carriera con gli occhi del critico e soprattutto del lettore instancabile. A quarant’anni dal capolavoro L’angoscia dell’influenza, torna infatti a confrontarsi con la trama segreta di soggettività, emulazione, mimesi, lotta e tradimento che innerva la storia letteraria e arricchisce l’esperienza del testo, poiché leggere è innanzitutto un dialogo a distanza che non si esaurisce nelle pagine ma si nutre di echi, risonanze e infiltrazioni che durano per tutta la vita. I capolavori non vengono infatti al mondo già perfettamente formati: emergono da una lotta senza quartiere con quelli che li hanno preceduti. Leggerli e comprenderli fino in fondo significa ricostruire le mosse di questa battaglia, tracciando di rimando in suggestione, di citazione in appropriazione, la mappa dei vincitori, dei vinti, dei saccheggi.
Sul filo degli incontri, delle scoperte e degli amori più duraturi, Bloom costruisce un ideale testamento – il suo “canto del cigno”, come lui stesso lo ha definito – che è insieme raccolta di saggi, autobiografia letteraria e invito al corpo a corpo con i maestri del nostro pensiero. Perché attraverso la letteratura, un gioco di specchi sempre più complesso, dove l’amore per i testi alimenta l’ossessione per altri testi, la loro voce rischia talvolta di soverchiare e annientare la nostra, eppure senza ascoltarla non potremmo mai scoprire, e diventare, chi siamo.

Commenti

Autore


  • Harold Bloom

    (New York 1930), docente a Yale, è uno dei maggiori critici letterari viventi e autore di oltre quaranta opere tradotte in tutto il mondo. La più famosa, il Canone occidentale, uscita in italiano pe [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Genere e argomento: Classici e Critica letteraria
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 5.90 €
    • Pagine: 448
    • Formato libro: 22 x 16
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817052580

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...