Adesso fate le vostre domande

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Conversazionisulla Chiesae sul mondodi domani

“Ho faccia tosta, ma sono anche timido. A Buenos Aires avevo un po’ timore dei giornalisti. Pensavo che avrebbero potuto mettermi in difficoltà e per questo non davo interviste.” Così comincia il nuovo libro di Papa Francesco, la migliore dimostrazione che Jorge Mario Bergoglio non solo ha superato quell’antica diffidenza, ma anzi attribuisce un’importanza speciale proprio agli incontri con la gente, alle conversazioni, alle interviste: “mi piace guardare le persone negli occhi e rispondere alle domande con sincerità” e “in modo spontaneo, in una conversazione che voglio sia comprensibile, e non con formule rigide. Uso anche un linguaggio semplice, popolare. Per me le interviste sono un dialogo, non una lezione”. Come scrive Antonio Spadaro nell’introduzione, lo scopo del Papa non è “offrire definizioni e sentenze ma avvicinarsi all’inquietudine dell’interlocutore”. Uno scopo pastorale, dunque, e le conversazioni raccolte in questo volume toccano i temi essenziali di un pontificato che si avvia a compiere cinque anni: il bisogno di raggiungere le periferie dell’esistenza, di superare gli steccati, di camminare e lavorare insieme, di fare “teologia in ginocchio” (cioè attraverso la preghiera) e di avere “fiuto del soprannaturale”, cioè “senso del divino e del diabolico”. “Desidero una Chiesa che sappia inserirsi nelle conversazioni degli uomini, che sappia dialogare. È la Chiesa di Emmaus, in cui il Signore ‘intervista’ i discepoli che camminano scoraggiati. Per me l’intervista è parte di questa conversazione della Chiesa con gli uomini d’oggi.”

Conversazionisulla Chiesae sul mondodi domani

“Ho faccia tosta, ma sono anche timido. A Buenos Aires avevo un po’ timore dei giornalisti. Pensavo che avrebbero potuto mettermi in difficoltà e per questo non davo interviste.” Così comincia il nuovo libro di Papa Francesco, la migliore dimostrazione che Jorge Mario Bergoglio non solo ha superato quell’antica diffidenza, ma anzi attribuisce un’importanza speciale proprio agli incontri con la gente, alle conversazioni, alle interviste: “mi piace guardare le persone negli occhi e rispondere alle domande con sincerità” e “in modo spontaneo, in una conversazione che voglio sia comprensibile, e non con formule rigide. Uso anche un linguaggio semplice, popolare. Per me le interviste sono un dialogo, non una lezione”. Come scrive Antonio Spadaro nell’introduzione, lo scopo del Papa non è “offrire definizioni e sentenze ma avvicinarsi all’inquietudine dell’interlocutore”. Uno scopo pastorale, dunque, e le conversazioni raccolte in questo volume toccano i temi essenziali di un pontificato che si avvia a compiere cinque anni: il bisogno di raggiungere le periferie dell’esistenza, di superare gli steccati, di camminare e lavorare insieme, di fare “teologia in ginocchio” (cioè attraverso la preghiera) e di avere “fiuto del soprannaturale”, cioè “senso del divino e del diabolico”. “Desidero una Chiesa che sappia inserirsi nelle conversazioni degli uomini, che sappia dialogare. È la Chiesa di Emmaus, in cui il Signore ‘intervista’ i discepoli che camminano scoraggiati. Per me l’intervista è parte di questa conversazione della Chiesa con gli uomini d’oggi.”

Commenti

Autore


  • autore_img
    Papa Francesco

    JORGE MARIO BERGOGLIO è nato a Buenos Aires il 17 dicembre 1936, figlio di un ferroviere piemontese. Perito chimico, nel 1958 è entrato come novizio nella Compagnia di Gesù. Laure [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 19.50 €
    • Pagine: 240
    • Formato libro: 21 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817097031

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...