1968

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Una testimonianza straordinaria oltre gli stereotipi dei "nostri sessantottini ultraborghesi"

“Ricordo l’estate del 1968. Rientrai a New York dodici ore dopo l’assassinio di Robert Kennedy. In aprile Martin Luther King, in giugno Robert Kennedy. Le fotografie dei bambini che morivan di fame nel Biafra, i combattimenti fra gli arabi e gli israeliani, i carrarmati sovietici a Praga, i vandalismi degli studenti borghesi che osano invocare Che Guevara e a scuola ci vanno con la fuoriserie di papà.” Ecco il 1968 di Oriana Fallaci, un momento cruciale della sua carriera in cui, secondo un ritratto che le dedica “Time” l’allora inviata dell’“Europeo” si consacra “la più importante giornalista italiana, con un seguito anche in molti altri Paesi”. Gennaio inizia in Vietnam, dove racconta in presa diretta la guerra di un piccolo popolo contro la superpotenza USA. Più tardi, nell’America delle lotte razziali e per i diritti civili, traccia i ritratti dei protagonisti dell’epoca – da Bob Kennedy a Martin Luther King, fino a Nixon. Quindi, instancabile, racconta la Cina maoista, le filosofie orientali, i santoni indiani, la miseria in Perù. Fino ad arrivare in Messico, prima delle Olimpiadi, dove rimane ferita nel corso di una protesta studentesca, facendo trattenere il respiro a tutta Italia. Solo lei non ha paura e non si tira mai indietro, sa che “in guerra una buona ferita è una grossa fortuna perché è difficile venire colpiti due volte”. E parte di nuovo per gli Stati uniti, per finire l’anno accanto agli astronauti che si preparano allo sbarco sulla Luna. È l’alba di una nuova era, la testimonianza unica di un momento di svolta che riguardò tutto il mondo, oltre la visione provinciale di quelli che poi chiamerà i “nostri sessantottini ultraborghesi”.

Una testimonianza straordinaria oltre gli stereotipi dei "nostri sessantottini ultraborghesi"

“Ricordo l’estate del 1968. Rientrai a New York dodici ore dopo l’assassinio di Robert Kennedy. In aprile Martin Luther King, in giugno Robert Kennedy. Le fotografie dei bambini che morivan di fame nel Biafra, i combattimenti fra gli arabi e gli israeliani, i carrarmati sovietici a Praga, i vandalismi degli studenti borghesi che osano invocare Che Guevara e a scuola ci vanno con la fuoriserie di papà.” Ecco il 1968 di Oriana Fallaci, un momento cruciale della sua carriera in cui, secondo un ritratto che le dedica “Time” l’allora inviata dell’“Europeo” si consacra “la più importante giornalista italiana, con un seguito anche in molti altri Paesi”. Gennaio inizia in Vietnam, dove racconta in presa diretta la guerra di un piccolo popolo contro la superpotenza USA. Più tardi, nell’America delle lotte razziali e per i diritti civili, traccia i ritratti dei protagonisti dell’epoca – da Bob Kennedy a Martin Luther King, fino a Nixon. Quindi, instancabile, racconta la Cina maoista, le filosofie orientali, i santoni indiani, la miseria in Perù. Fino ad arrivare in Messico, prima delle Olimpiadi, dove rimane ferita nel corso di una protesta studentesca, facendo trattenere il respiro a tutta Italia. Solo lei non ha paura e non si tira mai indietro, sa che “in guerra una buona ferita è una grossa fortuna perché è difficile venire colpiti due volte”. E parte di nuovo per gli Stati uniti, per finire l’anno accanto agli astronauti che si preparano allo sbarco sulla Luna. È l’alba di una nuova era, la testimonianza unica di un momento di svolta che riguardò tutto il mondo, oltre la visione provinciale di quelli che poi chiamerà i “nostri sessantottini ultraborghesi”.

Commenti

Autore


  • autore_img
    Oriana Fallaci

    ORIANA FALLACI (1929-2006), fiorentina, è stata definita “uno degli autori più letti ed amati del mondo” dal rettore del Columbia College of Chicago che le ha conferito la la [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 20 €
    • Pagine: 462
    • Formato libro: 23 x 15
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817096720

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...