1874 – 1953 Eugenio Balzan

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


La vita di Eugenio Balzan è la storia romanzesca di un uomo che dal nulla seppe creare un impero. Nato nel 1874 nel Polesine da una famiglia di proprietari terrieri che perderà tutto nell’inondazione dell’Adige del 1882, Balzan intraprese la strada del giornalismo inviando corrispondenze locali all’«Arena», il quotidiano di Verona. Giunse a Milano nel 1897 e fu assunto al «Corriere della Sera», dove da correttore di bozze divenne cronista e nel 1901 si guadagnò la prima pagina grazie a un clamoroso reportage sulle tristi condizioni degli italiani che emigravano in Canada. Sotto la direzione dei fratelli Albertini, che ebbero modo di apprezzare le sue formidabili doti di organizzatore, diventò, a ventotto anni, potentissimo direttore amministrativo e successivamente comproprietario, contribuendo in prima persona alla crescita e alla diffusione del «Corriere». Quando, dopo l’avvento del fascismo, gli Albertini furono costretti a vendere le loro quote di proprietà, Balzan rimase per otto anni al suo posto, ma nel 1933 si autoesiliò all’improvviso in Svizzera, dove condusse vita ritirata a Zurigo, non senza soccorrere altri esuli italiani nel 1943-45. Morì a Lugano nel 1953. L’unica sua figlia, Lina, realizzò l’aspirazione del padre di creare una grande opera sociale e umanitaria, istituendo nel 1956 la Fondazione e il Premio Balzan, di prestigio paragonabile al Nobel.

La vita di Eugenio Balzan è la storia romanzesca di un uomo che dal nulla seppe creare un impero. Nato nel 1874 nel Polesine da una famiglia di proprietari terrieri che perderà tutto nell’inondazione dell’Adige del 1882, Balzan intraprese la strada del giornalismo inviando corrispondenze locali all’«Arena», il quotidiano di Verona. Giunse a Milano nel 1897 e fu assunto al «Corriere della Sera», dove da correttore di bozze divenne cronista e nel 1901 si guadagnò la prima pagina grazie a un clamoroso reportage sulle tristi condizioni degli italiani che emigravano in Canada. Sotto la direzione dei fratelli Albertini, che ebbero modo di apprezzare le sue formidabili doti di organizzatore, diventò, a ventotto anni, potentissimo direttore amministrativo e successivamente comproprietario, contribuendo in prima persona alla crescita e alla diffusione del «Corriere». Quando, dopo l’avvento del fascismo, gli Albertini furono costretti a vendere le loro quote di proprietà, Balzan rimase per otto anni al suo posto, ma nel 1933 si autoesiliò all’improvviso in Svizzera, dove condusse vita ritirata a Zurigo, non senza soccorrere altri esuli italiani nel 1943-45. Morì a Lugano nel 1953. L’unica sua figlia, Lina, realizzò l’aspirazione del padre di creare una grande opera sociale e umanitaria, istituendo nel 1956 la Fondazione e il Premio Balzan, di prestigio paragonabile al Nobel.

Commenti

Autore


  • Renata Broggini

    ricercatrice svizzera, è autrice di Terra d’asilo. I rifugiati italiani in Svizzera 1943-1945 (il Mulino, 1993); La frontiera della speranza. Gli ebrei dall’Italia verso la Svizzera 1943-1945 (Mo [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Collana: VARIA – ILLUSTRATI
    • Prezzo: 21.00 €
    • Pagine: 486
    • Formato libro: 21 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817078092
    • ISBN E-book: 9788858674994

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...